Home Cronaca Contributi fondo perduto commercianti, ecco chi può usufruirne

Contributi fondo perduto commercianti, ecco chi può usufruirne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:00
CONDIVIDI

Il provvedimento è previsto dal decreto Agosto, già pubblicato in Gazzetta ufficiale, e riguarda negozi e attività commerciali che operano nei centri storici delle città. Il fondo perduto in questione ammonterebbe a 400 milioni di euro. 

contributi fondo perduto commercianti - meteoweek.com

Il coronavirus ha impattato su ogni attività lavorativa, appartenente a ogni tipo di filiera, ma particolarmente significativi sono le conseguenze registrate sul settore del turismo. All’interno di questo quadro, fortemente colpite sono state le città d’arte, soprattutto a causa del crollo dell’arrivo di turisti stranieri. A cercare di alleggerire questo duro colpo inferto dall’epidemia, il provvedimento previsto dal decreto Agosto, già pubblicato in Gazzetta ufficiale, che riguarda negozi e attività commerciali che operano nei centri storici delle città. Il provvedimento riguarda contributi a fondo perduto stanziati per sostenere la grave crisi che ha coinvolto i commercianti dei centri storici. A poter usufruire del fondo perduto, nello specifico, sono circa 29 città, individuate in base al rapporto tra numero di turisti e residenti.


LEGGI ANCHE -> Al vaglio dell’esecutivo una manovra da 26 miliardi a sostegno delle famiglie

LEGGI ANCHE -> Pensioni minime, come l’importo potrebbe arrivare a 780 euro


Tra queste: Venezia, Verbania, Firenze, Siena, Rimini, Pisa, Roma, Verona, Milano, Urbino. Infatti, non tutti possono accedere ai contributi a fondo perduto elargiti dal decreto Agosto: per farlo, è necessario soddisfare una serie di requisiti. Uno di questi requisiti riguarda proprio il rapporto tra residenti e turisti: possono accedere al fondo tutte le attività economiche e commerciali situate nei capoluoghi di provincia con presenza di turisti stranieri almeno tre volte superiore al numero di residenti. Stessa cosa per le città metropolitane: anche loro, per usufruire del bonus, devono dimostrare una prevalenza di turisti. Inoltre, tutte le attività coinvolte in queste città, per accedere al fondo, dovranno dimostrare di aver subito perdite importanti a causa del coronavirus, con un calo del fatturato pari al 50% nel mese di giugno rispetto al giugno 2019.