La Lega e il caso dei fondi: spunta un fondo fiduciario panamense

La procura ora indaga sul trasferimento di denaro ad una fiduciaria in Svizzera. Il leader della Lega Salvini è tranquillo: “Non sono preoccupato per la semplice ragione che non ci sono i motivi per esserlo”.

lega
La Lega è al centro dello scandalo – meteoweek.com

Continuano a emergere particolari sempre nuovi, e senza dubbio poco edificanti, in uno dei casi politici del momento. Stiamo parlando dell’indagine che la procura di Milano sta seguendo in merito ai fondi “sommersi” della Lega. In questi giorni l’argomento è tornato molto caldo, anche per via dell’arresto dei tre commercialisti vicini al Carroccio. L’accusa riguarda la compravendita con metodi non legali di un immobile in provincia di Milano, con un chiaro collegamento alla Lombardia Film Commission. Si parla di un trasferimento fraudolento di 800mila euro, ma nel frattempo spuntano nuovi dettagli.

La Procura, con l’ausilio della Guardia di Finanza, sta infatti intensificando le proprie ricerche sulle tracce di questo denaro. E proprio a proposito del trasferimento di 800mila euro, finiti in favore della Immobiliare Andromeda, spunta un nuovo particolare. Questo denaro, infatti, sarebbe stato trasferito dall’Italia alla Svizzera. E a fare da tramite ci sarebbe un fondo fiduciario istituito a Panama, che ovviamente non ha sede nel nostro Paese. Una destinazione finale di questi fondi della Lega, che sarebbe a dir poco sospetta vista l’origine.

In particolare, a finire in questa fiduciaria non ci sarebbe tutta la somma investita dalla Lega. Qui, infatti, sarebbero finiti circa 300mila euro, generati dalla presunta compravendita illecita dell’immobile di Cormano. Le indagini vanno avanti in maniera spedita, mentre il leader del Carroccio Matteo Salvini fa capire di essere tranquillo in merito. “Non sono preoccupato per la semplice ragione che non ci sono i motivi per esserlo“, ha dichiarato l’ex ministro dell’interno. Tuttavia, in questi giorni sono finiti in manette tre soggetti molto vicini al suo partito.

La vecchia sede della Lega – meteoweek.com

E tra le altre cose, come abbiamo avuto modo di riscontrare, la situazione non lascia affatto tranquillo il partito. Tanto che si è avuta notizia di una cena, a fine maggio a Roma, per un vero e proprio quartier generale della Lega. E nel frattempo i magistrati hanno inviato una richiesta per tracciare il trasferimento del denaro verso la fiduciaria panamense. Dunque le indagini proseguono e rischiano di macchiare ulteriormente l’immagine del partito, attualmente il più votato in Italia. Come se non bastasse il caso dei 49 milioni di fondi elettorali sottratti dalla Lega.

Leggi anche -> Lega, tutto sui fondi “nascosti”. E spunta una cena che spaventa Salvini

Leggi anche -> Brigate Rosse, spunta un arsenale nel bosco: documenti e munizioni degli Anni Settanta

Ricordiamo che l’inchiesta ha come suo punto di origine la Lombardia Film Commission, la fondazione a partecipazione pubblica. Il punto di partenza è, per l’appunto, l’acquisto a cifre fuori mercato di un capannone a Cormano, in provincia di Milano, divenuto poi la sede della società. Questa è presieduta da collaboratori molto vicini alla Lega, uno dei quali era il liquidatore della Film Commission al momento di un’altra compravendita, in cambio di 400mila euro però mai versati. Pochi mesi dopo, quell’immobile è stato valutato al doppio del suo reale valore.