Home Cronaca Istat, preoccupa l’inflazione: i dati negativi di agosto e dell’estate

Istat, preoccupa l’inflazione: i dati negativi di agosto e dell’estate

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:59
CONDIVIDI

L’Istat divulga i dati sull’inflazione con uno 0,5% ad agosto. È il dato peggiore dal luglio 2016, nonostante l’avvio della stagione turistica. I saldi vantaggiosi non hanno aiutato nonostante cali del 18% per abbigliamento e calzature, il triplo dell’anno scorso

I saldi di agosto non scuotono l’economia: lo dice l’Istat. Foto di repertorio – meteoweek.com

Prezzi al consumo in calo per il quarto mese consecutivo. L’Istat conferma con i dati la stima di un’inflazione “negativa” ad agosto: l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra infatti una diminuzione dello 0,5% su base annua (da -0,4% del mese precedente). Si conferma, dunque, la stima preliminare, che già indicava un sostanzioso calo. Rispetto a luglio invece si rileva un aumento dello 0,3%. Un dato così negativo, sottolinea l’Istat, non si registrava da luglio 2016.

Il faticoso avvio della stagione turistica ad agosto, dovuto alla pandemia, non modifica neppure di troppo l’andamento dei prezzi al consumo. Eppure si è registrato il consueto aumento congiunturale dei prezzi al consumo legato alle vacanze estive che, quest’anno, si sovrappone alla riapertura di gran parte delle attività della filiera turistica.

Prezzi abbigliamento in netto calo, ma non c’è la scossa attesa

Un altro aspetto frena l’economia. Quest’anno i saldi di agosto sono stati più bassi che mai: i prezzi di abbigliamento e calzature registrano, infatti, una vistosa diminuzione congiunturale (-18,6%) molto più ampia di quella di agosto 2019 quando fu pari a -6,6% (i saldi erano iniziati a luglio) e quindi un forte rallentamento tendenziale che si riflette sull’andamento dell’indice generale. Capitolo trasporti: la crescita dei prezzi su base mensile è inferiore a quella dello scorso anno, determinando una maggiore flessione tendenziale che si riflette su quella dell’indice generale.

Calo pil Istat
Sede Istat – meteoweek.com

Leggi anche –> Il principe Harry sta male, parla il chirurgo: svelate le sue condizioni

Leggi anche –> Omicidio Colleferro, parte la caccia ai quattro amici dei fratelli Bianchi

Si registra un incremento, seppur leggero, dei prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona, il cosiddetto ‘carrello della spesa’. Rallentano da +1,2% a +0,9%, mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto accentuano di poco la loro flessione da -0,1% a -0,2%.