Operazione anti mafia: colpiti due boss, uno è il “killer delle carceri”

Operazione anti mafia dei carabinieri a Catania: 21 arresti, colpiti anche due importanti boss. Uno di loro è il “killer delle carceri”.

I Carabinieri del comando provinciale di Catania stanno eseguendo, nelle province etnea, di Milano e Lecce, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip nei confronti di 21 persone, indagate, a vario titolo, per associazione mafiosa, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione e lesioni pluriaggravate, con l’aggravante del metodo mafioso. L’indagine ha consentito inoltre di individuare e definire la posizione di Benedetto La Motta, 62 anni: secondo le indagini è il referente per la zona di Riposto della famiglia di Cosa Nostra catanese dei Santapaola-Ercolano. Insieme a lui, nel mirino degli inquirenti, anche alcuni dei suoi più fedeli collaboratori tra i quali il 76enne Antonino Marano, noto come il ‘killer delle carceri’.

LEGGI ANCHE -> Omicidio Willy, i fratelli Bianchi tentarono di nascondere il Suv

LEGGI ANCHE -> Veltroni vota no al referendum: “Serve una riforma complessiva”

L’operazione dei carabinieri si inserisce nell’ambito di una precisa attività di contrasto avviata d’intesa con la Dda della Procura di Catania nei confronti della famiglia di Cosa Nostra catanese Santapaola-Ercolano sia nel capoluogo che in provincia, attraverso l’impiego delle componenti investigative altamente specializzate per il contrasto alle infiltrazioni del sodalizio nel settore delle attività economiche, nonché delle compagnie dell’Arma per la disarticolazione di gruppi mafiosi.