Avezzano, accoltella la moglie e si suicida: lei è in gravi condizioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:56

Vittorio Emi, 70 anni, avrebbe cercato di uccidere la moglie Paola Lombardo, 67 anni, a coltellate. Poi il suicidio. La donna, candidata a consiglio comunale con una lista civica, è ora in gravi condizioni. 

avezzano omicidio suicidio - meteoweek.com

Si chiama Vittorio Emi l’autore del tentato omicidio-suicidio avvenuto oggi ad Avezzano, in provincia dell’Aquila. L’uomo di 70 anni avrebbe accoltellato per tre volte la moglie durante una lite. Poi il suicidio: il medico si sarebbe gettato dal quarto piano dopo aver compiuto il gesto. Al momento la moglie, Paola Lombardo, 67 anni, si trova in prognosi riservata in gravi condizioni: la donna sarà sottoposta a intervento chirurgico. Paola Lombardo è proprietaria di una profumeria di Avezzano e candidata al Consiglio comunale. Così si era presentata alle elezioni con la lista Avezzano Libera: “Sono Paola Lombardo, mi presento come candidata con l’intento deliberato di fare politica, ma con il semplice titolo di cittadina avezzanese attiva nel commercio da molti anni. Non ho trascorsi nella politica, avendo dedicato tutta la mia vita alla famiglia e al mio lavoro, che tuttora svolgo con passione ed energia e che mi ha insegnato a conoscere le persone e a capirne i desideri e le esigenze”. L’uomo, invece, era un cardiologo. Per lui non c’è stato nulla da fare, Vittorio sarebbe morto sul colpo. Sul posto immediato l’arrivo delle forze dell’ordine e del 118.


LEGGI ANCHE -> Miriam muore a 5 anni, l’appello dei genitori: “Non era stress né epilessia, vogliamo sapere la verità”

LEGGI ANCHE -> Gf Vip, Fausto Leali chiama Enock “negro”: “Nero è il colore, negro è la razza”


Intanto nel pistoiese proprio in questi giorni si è registrato l’ennesimo caso di omicidio-suicidio: un uomo avrebbe ucciso la moglie, poi si sarebbe suicidato lanciandosi da un ponte. Il fatto sarebbe accaduto giovedì 17 settembre, nel primo pomeriggio. Al centro della vicenda, Leonardo Santini, 50 anni, che ha deciso di gettarsi da un ponte della zona nel comune di San Marcello Piteglio, in provincia di Pistoia, dopo aver compiuto il delitto. Ed è proprio al rinvenimento del cadavere dell’uomo che sono stati appurati i retroscena: i carabinieri dopo il suicidio di Santini si sarebbero recati nell’abitazione dell’uomo per avvertire la moglie e proprio a quel punto avrebbero scoperto il corpo della donna senza vita. Claudia Corrieri, 38 anni, si trovava a terra, circondata da molto sangue con segni di arma da taglio. Claudia lascia così una figlia molto piccola, che al momento del delitto si trovava a casa dei nonni. I carabinieri stanno svolgendo tutte le indagini necessarie per far luce sul movente: stando a quanto emerso fino ad ora, alla base di tutto ci sarebbero stati dei dissidi coniugali. A peggiorare la situazione, il fatto che l’uomo avesse perso il lavoro da aprile scorso. Ora si cercherà di individuare anche l’ora esatta del decesso e di comprendere il perché l’uomo avesse percorso 50 km prima del suicidio. L’abitazione dei due, infatti, si trova nella frazione Briglia di Vaiano.