Travaglio, “Di Battista mette tristezza”. E lui replica: “I giornali non sono il Vangelo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:01

“Alessandro Di Battista mette tristezza”, si legge nell’editoriale avvelenato di Marco Travaglio. Ma l’esponente 5 Stelle replica sui social: “Fa voli pindarici per attaccarmi, ma i giornali non sono il Vangelo”.

travaglio di battista

Acceso il battibecco tra Marco Travaglio e Alessandro Di Battista. Scoppiato a seguito della pubblicazione di un editoriale del direttore de Il Fatto Quotidiano, non è mancata (e tardata) ad arrivare la risposta dell’ex deputato del Movimento 5 Stelle.

“Alessandro Di Battista che non fa un solo comizio per il Sì al referendum, ma arringa la folla pentastellata di Bari contro il mio consiglio agli elettori 5Stelle toscani e pugliesi di ‘turarsi il naso e votare disgiunto’ mette tristezza. E ricorda il compagno Antonio: il comunista di Avanzi interpretato da Antonello Fassari che nel 1993 si risvegliava dopo vent’ anni di coma e non ritrovava più nulla del suo piccolo mondo antico, tranne i Pooh”, scrive infatti il giornalista in un suo ultimo articolo. Ma Di Battista si arma di scudo e spada e replica via social.

“Travaglio ha le sue idee, ma i giornali non sono il Vangelo”

“Stamattina Marco Travaglio mi dedica un editoriale al vetriolo. Evidentemente il fatto che mi sia scagliato contro la logica di votare ‘turandosi il naso’ l’ha fatto indispettire. Travaglio invita gli elettori del Movimento 5 Stelle a votare disgiunto tappandosi le narici. Più precisamente invita i pugliesi a votare Emiliano. Io no”, scrive Alessandro Di Battista in un post su Facebook, attraverso il quale ribadisce anche il suo no al voto disgiunto alle Regionali. E prosegue, ancora: “Travaglio compie voli pindarici per lanciarmi addosso il suo J’accuse. Mi descrive un nostalgico dell’opposizione e sostiene che, fosse stato per me, il Movimento sarebbe ancora in piazza ad abbaiare alla luna”.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE


“Come sapete collaboro con il Fatto. Scrivo reportage su questioni di politica internazionale. Il fatto che il Direttore del giornale che pubblica i miei pezzi mi attacchi in questo modo è comunque un bel segnale. Travaglio è persona perbene e decine di volte sono stato d’accordo con lui. Oggi no. Travaglio ha le sue idee, io le mie e le idee sono idee, non dogmi, così come i giornali sono giornali, non il Vangelo“, sottolinea infine Di Battista.

Stamattina Marco Travaglio mi dedica un editoriale al vetriolo. Evidentemente il fatto che mi sia scagliato contro la…

Gepostet von Alessandro Di Battista am Sonntag, 20. September 2020