In casa nascondevano droga per oltre un milione, arrestati due pusher

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:02

Sgominata rete di spaccio in Lombardia: arrestati due pusher a Monza e Milano, in casa avevano oltre 1 milione di euro hashish. Droga nascosta dietro l’armadio, a fare da guardia due cani Amstaff.

In casa nascondevano droga per oltre un milione
nascondevano droga per oltre un milione, due gli arrestati – foto di archivio

Maxi sequestro e due arresti al nord Italia. Le forze dell’ordine sono infatti riusciti a sgominare un traffico di stupefacenti dal valore commerciale di oltre un milione di euro. I fatti si sono verificati a Limbiate (Monza) e Senago (Milano), dove in manette sono finiti due uomini – uno di 31 e uno di 26 anni, entrambi pregiudicati. Ritrovati nei loro appartamenti ingenti quantità di hashish e marijuana.

Droga nascosta nell’intercapedine: due cani a sorvegliare il bottino

Giornata di arresti e sequestri per le forze dell’ordine, impegnate a combattere i traffici e gli illeciti relativi allo spaccio di sostante stupefacenti nel nostro Paese. Se a Paternò (Catania) è stata scoperta una piantagione di marijuana nascosta in un aranceto, con sequestro di 1.300 kg di marijuana e sei persone finite in manette, anche in Lombardia i militari dell’Arma sono riusciti a sgominare un importante giro di droga. Secondo quanto viene riportato dalle fonti, due uomini di 31 e 26 anni sono stati arrestati oggi dai carabinieri a Limbiate (provincia di Monza) e Senago (provincia di Milano) per detenzione di droga ai fini dello spaccio.

Dopo aver avuto autorizzazione ad effettuare le perquisizioni, nelle loro abitazioni le forze dell’ordine hanno sequestrato ben 133 kg di hashish e 3 kg di marijuana, per un valore commerciale pari a oltre un milione di euro. A seguito di un’indagine sulla rete di approvvigionamento droga tra le province di Milano e Monza, gli investigatori della Stazione di Senago hanno dunque fatto irruzione nei due appartamenti, e sono riusciti a recuperare la droga nascosta.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE


In particolare, spiegano le fonti, in uno dei due appartamenti le sostanze stupefacenti erano state occultate in una intercapedine, posizionata dietro l’armadio della camera da letto. L’illecito bottino, inoltre, pare venisse anche “sorvegliato” da due grossi cani di razza Amstaff. I due pusher sarebbero un italiano e uno straniero, con alle spalle già diversi precedenti. Entrambi gli spacciatori sono stati fermati e portati nel carcere milanese di San Vittore.