Pordenone, scoperti “lavoratori nascosti”: migranti con stipendio intascavano gli aiuti dello Stato

Una stretta morsa di controlli ha portato allo scoperto circa un centinaio di “lavoratori nascosti”: si tratta di migranti che, nonostante lo stipendio da dipendente, continuavano ad intascare gli aiuti e i sussidi dello Stato.

migranti stipendio aiuti stato
foto di repertorio (via VITA) – scoperti migranti con stipendio che intascavano gli aiuti dello Stato

Smascherate alcune irregolarità riguardanti i sussidi dello Stato spettanti ai richiedenti asilo nel nostro Paese che risultano indigenti. I controlli sono stati effettuati in provincia di Pordedone, sotto richiesta dell’ex prefetto Maria Rosaria Maiorino. A seguito delle procedure di controllo sulle mancate dichiarazioni legate all’avvio dell’attività lavorativa dei migranti, è stato quindi possibile “smascherare” chi sommava redditi e assegni senza averne però diritto. Il resoconto, che è stato stilato dalla Prefettura, riguarda un’attività che si è protratta per circa un anno.

Le irregolarità: controlli intensificati a Pordenone

A portare la notizia all’attenzione dei media è stato il Gazzettino. Secondo quanto viene riportato dal quotidiano, sono diversi i migranti (si parla di circa un centinaio) che, pur non essendo più indigenti (alcuni avevano infatti trovato un lavoro che gli garantiva fino a 1.200-1.500 euro al mese) hanno continuato a percepire l’assegno sociale che spetta invece di diritto ai richiedenti asilo con reddito 0.

Come spiegato dalle fonti, i migranti coinvolti nelle irregolarità sarebbero perlopiù profughi di origine afghana e pakistana, ma si contano anche diversi migranti originari dell’Africa Sub-sahariana. Nella maggior parte dei casi, comunque, si tratta di persone che sono riuscite a firmare un contratto di lavoro (principalmente per impieghi di lavoro in fabbrica o nell’agricoltura) e che percepivano quindi un reddito da dipendente. Solo grazie a una maggiore capacità di controllo da parte delle autorità, e sotto la stretta richiesta dell’ex prefetto Maria Rosaria Maiorino, è stato quindi possibile risalire a questi lavoratori “nascosti”.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE


Dopo l’individuazione delle irregolarità, le autorità hanno dunque proceduto alla regolarizzare delle singole situazioni, tappando una falla che generava una grave emorragia di denaro pubblico. Sempre secondo quanto si apprende, i richiedenti asilo che percepivano illegittimamente il doppio compenso sono stati ora espulsi dal sistema dell’accoglienza. Per loro, però, sarà ancora possibile continuare l’eventuale percorso giuridico atto a fargli ottenere il riconoscimento dello status di rifugiato.