Francia sempre più nella morsa del Covid: nuovo picco di positivi

Sono circa 14mila i nuovi casi di contagio riscontrati in Francia nel bollettino di ieri. 63 i decessi registrati, ma preoccupa il tasso di positività, che resta stabile al 7,6%.

covid-francia
Situazione drammatica con il Covid-19 in Francia – meteoweek.com

Si fa sempre più preoccupante la situazione del Coronavirus in Francia. Nonostante gli appelli da parte del presidente Macron e degli esponenti del Governo, i numeri continuano a essere allarmanti. Anche in attesa di scoprire quali saranno, proprio in termini di dati in arrivo, gli effetti delle nuove restrizioni che stanno avendo luogo in questi giorni. In ogni caso, la Francia continua a ravvisare nuovi record per quanto riguarda il numero di soggetti che contaggono il Covid-19 giorno dopo giorno. E il dato emerso dal bollettino di ieri fa ancor più paura.

Sono infatti 13.970 i soggetti emersi ieri con tanto di positività al Coronavirus nel Paese. Il ministero della salute francese ha reso noto il bollettino, che mostra anche un dato stazionario, ma comunque allarmante, in merito al tasso di positività. Quest’ultimo aspetto resta da tenere sotto controllo, anche se il 7,6% toccato anche ieri in Francia non è da sottovalutare. Cresce rispetto agli ultimi giorni anche il numero giornaliero di persone decedute. Nelle 24 ore hanno perso la vita 63 soggetti, portando il numero complessivo oltre la soglia dei 32mila decessi.

Nel frattempo, il ministro della salute Olivier Veran ha parlato anche in termini parzialmente positivi. Se non altro per quanto riguarda alcune grandi città della Francia che nei giorni scorsi avevano segnalato gravi problemi, ma ora versano in uno stato di timido miglioramento. Stiamo parlando di città come Bordeaux, Nizza e Marsiglia, in cui le recenti restrizioni del Governo sembrano essere applicate in maniera corretta. Sempre nel corso della conferenza stampa, Veran ha fatto capire che “questi segnali di speranza sono segnali di incoraggiamento per incrementare gli sforzi fatti“.

Il ministro della Salute Veran predica attenzione e precauzione – meteoweek.com

Al tempo stesso, il ministro della salute ha posto l’accento su altre situazioni, che di contro peggiorano. Sono quelle che si sono verificate nelle ultime ore in città come Lille, Lione, Grenoble, Tolosa e Saint-Etienne. Qui, come ha rivelato Veran in conferenza stampa, si è verificata “una evoluzione preoccupante e un peggioramento degli indicatori“. Per questo motivo, l’esponente del Governo francese ha fatto capire che non bisogna mollare la presa. È necessario rispettare le regole per far sì che la Francia non piombi nuovamente nell’incubo del lockdown.

Anche a Parigi la situazione rischia di diventare fuori controllo giorno dopo giorno. Stando ai nuovi criteri istituiti dal Governo francese nei giorni scorsi, la capitale è finita nel novero della “zona rossa“, ovvero verso la categoria di massima allerta. Il dilagare dei contagi, nella stessa Parigi ma più in generale in tutta la Francia, si verifica soprattutto nella fascia di età over 65, ovvero la più vulnerabile. Da tenere sotto controllo anche la situazione degli ospedali, visto che circa il 30% dei posti letto in terapia intensiva sono occupati da pazienti Covid.

Leggi anche -> Coronavirus, impennata di casi in Veneto e 5 vittime

Leggi anche -> Donald Trump e la moglie Melania sono positivi al Coronavirus

Qualora il peggioramento della situazione di Parigi dovesse essere confermato o addirittura accrescere, allora scatterà un nuovo piano. La capitale potrebbe fare la stessa fine di Marsiglia ed Aix en Provence, che hanno visto chiudere lunedì scorso i bar e i ristoranti. Il ministro Veran, sempre nel corso della conferenza stampa, ha fatto capire che anche le feste private e le riunioni tra amici e parenti devono essere evitate il più possibile. E nel caso in cui ciò non può accadere, allora è necessario mantenere il distanziamento e sfruttare i dispositivi di protezione individuale.