Coronavirus, impennata di casi a New York da mercoledì 9 quartieri in lockdown

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:45

L’annuncio è stato fatto dal sindaco De Blasio a causa di un’impennata di casi nella città di New York, sono interessati nove quartieri a Brooklyn e Queens. La Francia è in massima allerta a causa dell’ulteriore aggravarsi della situazione contagi

Coronavirus New York lockdown

Nel mondo si contano ormai 35milioni di contagi dall’inizio della pandemia. Le più grandi capitali sono piegate dal virus che prosegue indisturbato nella sua corsa e vengono quindi imposte nuove misure restrittive per tentare di contenere il contagio. Tra i casi più gravi vi è sempre stata New York, che si trova ancora in ginocchio a causa della nuova impennata di contagi. Il sindaco, ha imposto un nuovo lockdown in 9 quartieri che scatterà da mercoledì sera. Saranno le zone di Brooklyn e Queens, focolai dei nuovi casi, a chiudere. Mentre l’America segue con il fiato sospeso le condizioni di salute del presidente Trump infettato dal Covid.

Coronavirus New York lockdown

Francia in «massima allerta»

Il ministero della Salute sta per pronunciarsi anche a Parigi in merito all’ulteriore aggravarsi della situazione contagi. A causa della massimo allerta ci saranno nuove chiusure: i bar della regione da martedi’ chiuderanno. All’origine c’è l’aumento drammatico dei casi di contagio di Covid-19, che ha già portato il governo a dichiarare l’allerta a Aix-Marsiglia, con i locali chiusi del tutto e conseguenti proteste dei proprietari.

Parigi coronavirus


LEGGI ANCHE:


A Parigi vi è già l’obbligo di indossare le mascherine anche all’aperto ma il numero dei contagi è aumentato comunque drasticamente e di conseguenza anche i letti occupati in ospedale nelle terapie intensive. «Se l’aggravamento proseguirà – ha dichiarato in precedenza il ministero della Salute – non avremo altra scelta che dichiarare Parigi e la regione in allerta massima da lunedì». I ristoratori sperano ancora che i loro locali siano risparmiati, evitando ulteriori danni economici, con un protocollo sanitario più stringente, con misure come verifica della temperatura e limiti a gruppi di otto persone.