Naike Rivelli imita (con gambe aperte) Barbara D’Urso: continua la guerra [VIDEO]

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:00

Naike Rivelli pubblica un video in cui imita Barbara D’Urso, con la volontà di fare chiarezza sulla denuncia che la conduttrice di Mediaset, le ha scagliato in questi ultimi giorni. 

Live Casa Muti

Ormai è guerra tra Naike Rivelli e Barbara D’Urso. La figlia di Ornella Muti dopo aver ricevuto una denuncia penale dalla regina di Live, sferra un attacco social, in cui espone la sua opinione sull’ accaduto.

“Grazie grazie benvenuti siamo qui a Live Casa Muti”, “Ma scusa… come ti sei vestita?” (si sente la voce di Ornella Muti), la figlia: “Ma come, come mi sono vestita mamma? Sono venuta qui oggi in televisione per promuovere la donna, l’ integrità, l’intelligenza della donna, perché noi siamo qui per sostenere le donne (si siede con le gambe divaricate) giusto?

La parodia di Naike Rivelli su Barbara D’Urso

Inizia così la storia di Naike Rivelli postata su Instagram. Dopo aver raccontato pubblicamente, insieme alla mamma Ornella Muti, di aver ricevuto una denuncia da Barbara D’Urso, l’artista si veste di pizzo e inizia una parodia:

“Questa è una gag sto scherzando! In realtà sono qui perché vorrei  parlare di cose serie” – chiosa Naike e continua dicendo:vorrei fare il mio ultimo exploit sulla signora Barbara D’Urso, perché dopodiché anche io ho dei legali ottimi che se ne occuperanno quindi non ne parlerò più”. 

Hai fatto audience sulle persone

Il video prosegue con il sottofondo della musica di Live Non è la D’Urso:

“Allora cara Barbara, sono qui oggi per dirti una cosa: nella tua trasmissione hai fatto venire persone di ogni genere, in ogni stato d’animo, ricordo bene Francesco Nuti –  non voglio ricordare le sue condizioni – e hai fatto dell’ audience su di questo. Hai parlato dell’emozioni, della disperazione e degli equivoci, quindi cose che forse potevano essere, ma non erano sicure, le hai fatte annunciare in televisione creando dei mega gossip.” Specifica la Rivelli, prima di dire: “Chi la fa, l’aspetti prima di tutto.”

Naike continua attraverso i suoi primi piani:“Detto questo, dalla D’Urso si può dire tutto e nei salotti proprio non si può dire niente? Questo mi fa molta paura.”

Jan. 29, 2013 – Cologne, North Rhine-Westphalia, Germany – Ornella Muti mit Tochter Naike Rivelli. Lambertz Monday Night 2013 im ‘Alten Wartesaal’ am Koelner Hauptbahnhof. Koeln 28.01.2013. LaPresseOnly Italy

Non è che forse hai una coda di paglia?

A questo punto Naike spiega su cosa si basa l’indagine penale che la vede protagonista: “Un indagine penale per due cose: la prima pare che io abbia cercato di sfruttare il suo nome, cosa incredibile per me. Seconda cosa che mi è arrivata è stata quella di averla diffamata: pare che si rivolga a quando ho scritto un post dicendo che voci di corridoio dicano che la signora Barbara D’ Urso abbia avuto un amante a Mediaset.”

Poi la figlia di Ornalla Muti prende come esempio il comportamento di Sgarbi, in una delle puntate della D’Urso: E’ venuto Sgarbi nella tua trasmissione e ha detto che sei una raccomandata, anche queste sono voci di corridoio ma, uno è libero di potersi esprimere? E dire che ha sentito dire una cosa? Non è diffamazione.Non ho detto che è così.” Ricalca la Rivelli e aggiunge diretta: “Non è che forse hai una coda di paglia?”

LEGGI ANCHE ——–>Barbara D’Urso denuncia Naike Rivelli. Interviene Ornella Muti: “A mia figlia…”

LEGGI ANCHE ——–>Naike Rivelli stufa di Barbara D’Urso: “Mi denuncia, lasciami in pace!”

Il nostro materiale strumentalizzato dalla D’Urso

Naike Rivelli commenta poi il gesto della D’Urso chiosando: “Una giornalista vera si mette in gioco, parla apertamente e pubblicamente, non manda delle letterine con i carabinieri. Io ho fatto dello humor con Barbara D’Urso e ci sta, lei mi ha preso molto seriamente, va benissimo, si vedrà.”  

E sul finire dichiara:

“Che ironia, se qualcuno avesse il diritto di fare una diffida a qualcuno, saremmo io e mia madre: il nostro materiale è stato usato, strumentalizzato negli anni passati nella trasmissione di Barbara D’Urso, regolarmente finché io non ho messo una fine.”