Alunno senza penna ma nessuno può prestargliela: normative covid severissime

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:44

In classe senza astuccio, un alunno di quinta elementare non può farsi prestare la penna per le norme anticovid in corso: rimane senza far nulla per cinque ore. E’ accaduto a Sassari, in Sardegna

Scuola, alunno senza penna resta tagliato fuori dalla lezione: normative vietano di prestargliela – meteoweek.com

 

A causa del Covid non si può scambiare materiale didattico e il ragazzino di quinta elementare non ha potuto seguire le lezioni come gli altri, restandosene senza far nulla. Il timore del contagio e il regolamento di istituto hanno causato due giorni fa una delle situazioni inimmaginabili alle quali ormai la pandemia ci ha abituato. Il quotidiano La Nuova Sardegna lo riporta nel dettaglio: un ragazzino di quinta in una scuola elementare di Sassari non ha potuto partecipare alle usuali attività didattiche in classe perché aveva dimenticato a casa l’astuccio. Cosa accade in questi casi?

Una delle norme per evitare la diffusione del virus impone infatti agli studenti di non scambiarsi penne o matite e il ragazzino di dieci anni non ha potuto così scrivere né disegnare per tutta la mattina. E’ stato in sostanza tagliato fuori dal programma didattico seguito dagli altri alunni della classe, una scelta molto forte ma rispettando le normative anticovid imposte dal governo.

I genitori si spaccano dopo la decisione

Il quotidiano sardo riporta che, quando si è saputo dell’accaduto, in città si è scatenato il dibattito e si sono contrapposti due fronti di opinione tra i genitori di alunni: c’è chi reputa troppo rigido il regolamento d’istituto e chi invece plaude all’operato della maestra, che ha rispettato alla lettera le disposizioni.

Leggi anche –> Aspirante addestratore pensa di parlare con l’orso, entra nella gabbia e viene sbranato

Leggi anche –> Covid, Usa: bloccato dalla Casa Bianca l’obbligo delle mascherine sui mezzi

Leggi anche –> Lotta contro il tumore, Natasha Stefanenko: “Si è attaccato alle ossa”. Il dramma che ha colpito la suocera

Non c’è pace per la scuola, esposta ad un nuovo episodio anomalo. Dopo l’ironia che è stata fatta sui banchi con le rotelle, facilmente trasformabili in carretti per gare di velocità, c’è chi adesso teme la scusa “Ho dimenticato la penna”. Questa variante rischia di diventare garanzia di ozio per tutta la mattina.