Covid: il Regno Unito è al “punto di non ritorno” e si prepara al Lockdown

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:43

Covid: il Regno Unito è al “punto di non ritorno”, avverte uno dei migliori scienziati. Il Regno Unito ha raggiunto un “punto critico” nella sua epidemia di coronavirus simile a quella vista l’ultima volta a marzo scorso. Lo dici uno dei massimi scienziati del paese.

Boris Johnson (Photo by Charles McQuillan/Getty Images)

Il professor Jonathan Van-Tam, ha detto che le stagioni erano “contro di noi” e il paese stava andando incontro a “vento contrario”. Più morti seguiranno un aumento dei casi nelle prossime settimane, ha detto, e ha esortato le persone a limitare i contatti sociali. Lunedì, Boris Johnson dovrebbe annunciare restrizioni più severe. In una dichiarazione ai parlamentari, il primo ministro dovrebbe definire piani per un sistema di blocco locale a tre livelli che vedrebbe ogni regione dell’Inghilterra collocata in uno dei tre livelli, a seconda della gravità dei casi.

In tutto il Regno Unito, il numero R – il numero medio di persone a cui ogni persona infetta trasmette il virus – è ora stimato tra 1,2 e 1,5. Qualunque cosa sopra 1.0 significa che i casi stanno aumentando. Sabato, 15.166 persone nel Regno Unito sarebbero risultate positive al coronavirus, un aumento di 1.302 rispetto alla cifra di venerdì, secondo il dashboard del governo . Ci sono stati altri 81 decessi – un calo di sei venerdì. Tuttavia, l’Ufficio per le statistiche nazionali stima che 224.000 persone nelle case in Inghilterra abbiano avuto il virus, fino al 1 ° ottobre, circa il doppio della cifra riportata per ciascuna delle due settimane precedenti.

Nella sua dichiarazione pubblicata domenica, il Prof Van-Tam ha affermato che mentre l’epidemia “è ricominciata” di nuovo tra i giovani nelle ultime settimane, ci sono “prove evidenti di una graduale diffusione nelle fasce di età più anziane” nei paesi più colpiti. le zone. “Purtroppo, proprio come la notte segue il giorno, nelle prossime settimane seguirà un aumento dei decessi”, ha detto il prof. Van-Tam.

(Photo by DANIEL LEAL-OLIVAS / AFP) (Photo by DANIEL LEAL-OLIVAS/AFP via Getty Images)

Ha avvertito che il Regno Unito si trovava in una posizione diversa rispetto alla prima ondata perché “ora stiamo entrando nei mesi invernali più freddi e bui”. “Siamo nel mezzo di una grave pandemia e le stagioni sono contro di noi. Fondamentalmente, stiamo andando incontro a un vento contrario”, ha detto. Ma ha anche detto che il Regno Unito ha “capacità di test molto migliorate” e “trattamenti migliori” disponibili, il che significa che “sappiamo dove si trova e come affrontarlo”. Ha sottolineato l’importanza di seguire le indicazioni della salute pubblica e di ridurre al minimo il contatto con gli altri, aggiungendo: “So che è molto difficile, ma è un fatto scientifico sfortunato che il virus prospera sugli esseri umani che entrano in contatto sociale tra loro”.

Viene quando il Partito Laburista e i gruppi economici hanno espresso preoccupazione per l ‘”effetto a catena” delle chiusure di Covid che dovrebbero essere annunciate lunedì. Il Labour afferma che quasi un milione di lavoratori saranno a rischio perché il piano del cancelliere di pagare il personale delle aziende britanniche a cui viene chiesto di chiudere il 67% dei loro salari non si estende a coloro che potrebbero essere colpiti indirettamente, come quelli nelle catene di approvvigionamento.

Leggi anche -> Palamara radiato: “Porto e porterò sempre la toga nel cuore”

Il Tesoro ha negato che le aziende non completamente chiuse non avrebbero ricevuto aiuto. Un portavoce ha detto: “Non riconosciamo queste cifre”, aggiungendo che il Labour aveva “erroneamente” elencato alcuni settori come non beneficiari del regime.Lunedì il primo ministro Boris Johnson stabilirà le nuove regole per gli hotspot alla Camera dei Comuni. Ogni regione dell’Inghilterra dovrebbe essere collocata in uno dei tre livelli, con la regione della città di Liverpool che si pensa sia nella categoria con le regole più severe.

AFP PHOTO / POOL / Dan Kitwood (Photo credit should read DAN KITWOOD/AFP via Getty Images)

I piani non sono ancora stati finalizzati, ha detto il corrispondente politico della BBC Chris Mason, ma è probabile che ciò significhi che i pub chiuderanno, i ristoranti potrebbero subire restrizioni, alle persone potrebbe persino essere detto di non viaggiare dentro e fuori dalla zona. Le scuole e le università rimarrebbero aperte. Domenica sono attesi ulteriori colloqui tra il governo e i leader in alcune parti dell’Inghilterra che si aspettano nuove restrizioni. I leader ei sindaci del Consiglio hanno espresso la loro rabbia per quello che vedono come un aiuto inadeguato per coloro che non saranno più in grado di lavorare.

Leggi anche -> M5s perde la fiducia degli elettori: superato da FdI nei sondaggi

Molte regioni chiedono un maggiore controllo locale sulla ricerca dei contatti, mentre altre hanno sollevato la possibilità di azioni legali se non ottengono il supporto richiesto.

Il governo afferma di essere impegnato a coinvolgere i leader locali nel processo decisionale. Le discussioni con Downing Street venerdì sono state descritte nel Merseyside come “gelide”, ma “cordiali e generose da entrambe le parti”.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

I leader nella Greater Manchester non hanno ancora organizzato un altro incontro con il governo, ha aggiunto Chris Mason – ma uno è previsto prima della dichiarazione del primo ministro lunedì. A Nottingham, Newcastle, Sunderland, Leeds e altrove, dirigenti e residenti attendono l’annuncio del modello per la prossima fase della pandemia