Covid, madre positiva organizza due party per il figlio: 60 in isolamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:48

Covid, madre positiva organizza due party per il figlio: 60 in isolamento. La donna aveva i sintomi ma li ha ignorati

Covid, madre positiva organizza due party per il figlio: 60 in isolamento

Ha organizzato due feste di compleanno per il figlio pur avendo i sintomi del Coronavirus. Dopo le due feste si è presentata alla Asl Roma 4, e i medici increduli le hanno chiesto:”Signora, ma lei ha invitato 60 persone alla festa di compleanno di suo figlio nonostante avesse chiaramente i sintomi del Covid?“. E lei:”No, le feste erano due“. Ogni festa prevedeva 30 invitati, tra bambini e genitori. La donna ha inviato gli inviti per gli 8 anni del figlio (che frequenta la seconda elementare a Ladispoli) nonostante avesse un po’ di tosse e qualche linea di febbre.

Leggi anche:—>Coronavirus, bollettino del 10 ottobre: è allarme rosso, i contagi non si arrestano

Leggi anche:—>M5s perde la fiducia degli elettori: superato da FdI nei sondaggi

Secondo la donna la festa ormai era organizzata e quindi secondo lei non aveva senso posticipare tutto per un po’ di tosse e febbre. Il giorno dopo le feste la donna è andata alla Asl e il tampone ha mostrato la sua positività al virus. La Asl ha quindi avviato il tracciamento delle persone per farli stare in quarantena.

_______________________________________________________________

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

_______________________________________________________________

In molti hanno contestato l’atteggiamento della donna ma sorprendentemente, altri, se la sono presa contro i medici del tracciamento contatti per avvisarli di stare in quarantena, insultandoli al punto che una giovane dottoressa addetta alle telefonate è scoppiata in lacrime. “A Roma e provincia centinaia di studenti sono stati trovati positivi ma nella maggior parte dei casi il contagio è avvenuto fuori dall’istituto“, racconta Simona Ursino,  che dirige Asl Roma4, a Il Messaggero. “Bisogna evitare feste e raduni affollati, il più possibile“.