David Sassoli, un videomessaggio sulla pace: “Ecco cosa deve fare l’Europa”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:50

Il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli ha inviato un messaggio di pace alla Catena Perugia-Assisi.

David Sassoli, un messaggio sulla pace: "Ecco cosa deve fare l'Europa"
David Sassoli, un messaggio sulla pace: “Ecco cosa deve fare l’Europa” – meteoweek

Voce ferma e decisa, David Sassoli, presidente del Parlamento Europeo ha mandato un videomessaggio rivolto alla ‘Catena della pace’ Perugia-Assisi, la marcia della pace in forma statica a causa della pandemia: “Ricercare la pace oggi vuol dire rimettere la persona al centro dell’agire politico. Siamo di fronte a una trasformazione economica-digitale che cambiera’ nel profondo i nostri stili di vita è necessario affrontare la dimensione sociale di questa transizione, che presuppone maggiori investimenti in economia circolare e agricoltura sostenibile, abbandonare la cultura dello spreco e lasciare che nessuno resti escluso o troppo indietro”. Poi ha aggiunto: “Il rispetto per la donna, il rispetto per l’uomo, per la vita di ognuno, per le differenze che ci arricchiscono. Nessuno deve sentirsi scartato, messo al margine. La Pace è sviluppo sostenibile, il che vuol dire correggere i nostri modelli sociali per ricostruire quell’equilibrio con la natura che è stato travolto da molteplici interessi”.

“La Pace – ha proseguito – è amicizia tra i popoli, cooperazione tra gli Stati, condivisione di sovranità con gli organismi internazionali. La Pace è oggi minacciata dalle armi che sparano, dalle bombe che esplodono, dal riarmo nucleare su cui troppo spesso colpevolmente si estende un silenzio ipocrita. Ma è minacciata anche dalla fame, dalle carestie, dai fanatismi, dalla desertificazione, dalla volontà di potenza, dai nazionalismi vecchi e nuovi, dalle crescenti disparità di risorse e di opportunità, dalla mancanza di mezzi e di scolarizzazione come vediamo in questo momento così particolare del pianeta, da collegamenti che talvolta diventano muri, muri invalicabili per milioni di giovani e adulti. La pace è minacciata dalle migrazioni forzate e al tempo stesso dalla mancanza di solidarietà di chi invece dispone di maggiori risorse e deve sentire su di sé la responsabilità verso gli altri“.

Leggi anche –> Bimbo di 18 mesi chiuso in gabbia con topi e serpenti

Leggi anche –> Aggressione gay in centro: choc alla scoperta dei colpevoli

Leggi anche –> Strage di Bologna, choc in aula: ecco chi sono i mandanti

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Sassoli, sindaco di Roma?

Quello di Sassoli è un messaggio importante che sta riscuotendo molto successo. Recentemente aveva fatto discutere la possibilità che si candidasse alle elezioni per il sindaco di Roma ma Sassoli implacabile anche sui social aveva chiarito: “Care cittadine, cari cittadini, presiedere il Parlamento europeo è un grande onore e una grande responsabilità. Ringrazio le tante persone che mi esprimono fiducia auspicando una mia candidatura a sindaco di Roma, ma ribadisco, per chiarezza e correttezza verso tutti, che l’ipotesi non esiste“. Chi si candiderà quasi sicuramente è Virginia Raggi, contro di lei si schiererà probabilmente anche Calenda. “La verità è che Roma è a pezzi e non ci sono candidati di peso, per ora. Io per qualche giorno ancora starò zitto – ha dichiarato il leader di Azione – non dirò che mi candido o che non mi candido a fare il sindaco. Non posso né voglio innescare un gioco di mosse e contromosse col Pd. Tempo qualche giorno e tutti sapranno”.