Nuovo Dpcm, Conte: non più di 6 in casa e stop ad alcuni sport

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:47

In arrivo la stretta del governo sul tema coronavirus: atteso il discorso di Conte sul nuovo Dpcm che potrebbe cambiare le carte in tavola.

Nuovo Dpcm, Conte: non più di 6 in casa e stop ad alcuni sport
Nuovo Dpcm, Conte: non più di 6 in casa e stop ad alcuni sport – meteoweek

Il nuovo Dpcm sta facendo tremare l’Italia: ancora non è stato divulgato ma sta già facendo discutere. Secondo le prime indiscrezioni potrebbe esserci uno stop alle feste private, con una “forte raccomandazione” a limitare anche quelle in casa, se partecipano più di sei persone. Non è ancora chiaro come avverano i controlli ma la proposto del premier Giuseppe Conte sarebbe stata portata alla conferenza delle Regioni e Comuni a Palazzo Chigi. Il presidente del Consiglio avrebbe precisato che la decisione non sarebbe ancora definitiva. Alcuni tra i ministri continuano infatti a spingere perché venga introdotto un divieto vero e proprio, anche in casa per limitare il contagio al minimo. Per le feste legate a matrimoni o altre cerimonie dovrebbe essere introdotto un limite massimo di trenta persone partecipanti. Almeno fino a gennaio.

Leggi anche –> Covid: chiusura locali senza servizio al tavolo alle 21

Leggi anche –> Aggressione gay in centro: choc alla scoperta dei colpevoli

Leggi anche –> Strage di Bologna, choc in aula: ecco chi sono i mandanti

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Stop ad alcuni sport: di quali si tratta? – meteoweek

Stop ad alcuni sport: di quali si tratta?

Un’altra delle proposte riguarderebbe lo sport. L’idea è quella di sospendere gli sport di contatto, come il calcetto o il basket, a livello amatoriale, ma consentirli a livello dilettantistico, per le società che abbiano adottato protocolli per limitare i contagi. Non è chiaro come il calcetto praticato a livello amatoriale possa essere più pericoloso del rugby a livello dilettantistico. L’ipotesi comunque sarebbe stata presentata in riunione con le Regioni e sarebbe stato spiegato che “La ratio è non penalizzare chi per la ripresa dell’attività ha fatto investimenti e adottato protocolli, a partire dalle diverse federazioni sportive”.