Covid, Crisanti lancia allarme su aumento casi: “Tracciamento non va”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:12

Covid, Crisanti lancia allarme su aumento casi: “Tracciamento non va”. Secondo il virologo situazione peggiorerà

Andrea Crisanti

Secondo il professor Andrea Crisanti, direttore Microbiologia e virologia dell’università di Padova, ospitato da ‘Omnibus’ su La7, “continuiamo a inseguire il virus, il tracciamento non sta funzionando. I tamponi rapidi potranno creare ancora più confusione, sono meno affidabili“.

Crisanti sostiene che “la situazione è destinata a peggiorare, l’aumento di casi è inevitabile. Due mesi fa avevo proposto un piano per aumentare drammaticamente la capacità di tracciamento, non è stato preso in considerazione. Ora ci mettiamo una pezza con i test rapidi che hanno una capacità e prestazioni molto inferiori e creeranno solo confusione“.

Leggi anche:—>Carabinieri rubano 11mila euro mentre eseguono perquisizione: arrestati

Leggi anche:—>Presidenziali Usa: Trump contro Twitter e Facebook, “censurano la verità, terribile”

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

A tal proposito, Crisanti pone l’esempio della Regione Veneto: “Abbiamo avuto circa 350 casi e 600 persone in isolamento. È questo che mi preoccupa, perché ogni caso ha circa in genere 10-15 contatti, quindi avremmo dovuto isolare 5mila persone e invece abbiamo isolato solo il 5%. Quindi ci sono in giro 8-9 contatti che sono in giro inconsapevoli. Per il futuro mi preoccupa il collasso totale di fare il tracciamento“.