Rezza, indice contagio 1,7. Situazione preoccupa. ‘Calano i numeri, ma rapporto casi-tamponi non cambia’

Giovanni Rezza, direttore del dipartimento della Prevenzione del ministero della Salute, ha presentato un quadro riguardante l’epidemia di Covid-19, in continuo peggioramento. Ha dichiarato che la “situazione epidemiologica da Covid-19 che continua a peggiorare”, con “oltre 500 casi per 100mila abitanti e quasi tutte le regioni italiane pesantemente colpite”.

Rezza, indice contagio 1,7. Situazione preoccupa. 'Calano i numeri, ma rapporto casi-tamponi non cambia’

La situazione odierna

Come ogni lunedì, i casi segnano una riduzione: sono scesi a 25.271 (7.000 in meno in 24 ore), e si è ridotto anche il numero dei tamponi: 147.725 ieri contro 191.144. I decessi sono stati 356 in più in 24 ore e i ricoveri nelle unità di terapia intensiva sono saliti complessivamente a 2.849. Con 4.777 nuovi casi, la Lombardia continua a essere la regione più colpita, seguita da Campania (3.120) e Piemonte (2.876).

Malgrado questi numeri e il calo a livello nazionale, il rapporto fra casi positivi e tamponi continua a essere alto:17,1%. Da tre giorni si è attestato su valori superiori al 17%, primo indicatore di come i numeri dell’epidemia continuino a sfuggire numerosi dalle maglie del tracciamento. “Nei ricoveri ospedalieri – ha inoltre aggiunto Rezza – notiamo una tendenza all’aumento e soprattutto c’è un incremento per quanto riguarda i ricoveri in terapia intensiva e questa situazione giustifica l’adozione di interventi più restrittivi soprattutto nelle regioni più colpite. E naturalmente necessita dell’adozione di comportamenti prudenti da parte di tutti i cittadini”.

Il fisico Giorgio Parisi

Quadro clinico incompleto

Il fisico Giorgio Parisi, dell’Università Sapienza di Roma ha dichiarato che è molto complesso avere un quadro completeo della situazione epidemiologica perché “l’indice Rt viene calcolato sulla base della data in cui sono comparsi i sintomi”.”La percentuale di chi ha i sintomi varia da regione a regione” e “non viene indicato il motivo per cui le persone fanno il tampone”. Sarebbe importante saperlo, secondo il fisico, soprattutto considerando il fatto che “una volta c’erano variazioni non notevoli, ma adesso non si capisce perché molti facciano i tamponi”: Significa, ha aggiunto che “le regioni non riescono a fare il contact tracing come una volta e che non riescono ad avere informazione di quanto sta succedendo”.

Contact tracing sfuggito al controllo delle regioni

Per questa ragione il rapporto fra casi positivi e tamponi continua a essere “molto alto in tutto il Paese”: “il fatto che il rapporto rimanga costante rispetto ai giorni in cui i tamponi sono di più fa pensare che riduzione dei casi positivi sia solo apparente”, ha evidenziato il fisico Giorgio Sestili, fondatore e fra i curatori della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e analisi scientifiche”. Quindi “ogni 40.000 tamponi che facciamo registriamo 7.000 casi in meno: è come se il rapporto fra la riduzione dei tamponi e quella dei casi sia costante”, ha puntualizzato.


LEGGI ANCHE:


L’andamento dei decessi evidenzia invece un rallentamento, in linea con la curva epidemica, che ormai mostra di avere un tempo di raddoppio dei casi superiore a sette giorni. Continua a crescere invece la situazione dei ricoveri nelle unità di terapia intensiva, con un numero costante che da una settimana continua a indicare 100 unità ogni giorno. “Non sappiamo a che cosa sia dovuto, conosciamo solo il saldo e l’ipotesi più verosimile è che possa essere cambiato qualche protocollo: bisognerebbe sapere quanti entrano e quanti escono ogni giorno, ma questo dato purtroppo non viene comunicato”.