Nonna Luisa, sopravvissuta alla spagnola e all’asiatica: “Il Covid? Non mi fa paura”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:28

Nonna Luisa, una delle donne più anziane d’Italia, ha compiuto 109 anni e ha festeggiato nel pieno rispetto di tutte le regole. Cittadina di Città di Castello, ha mandato un messaggio ai giovani: rispettare le regole.

Due anni fa il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella l’aveva citata in un discorso ufficiale dal Quirinale in occasione della Giornata Internazionale della Donna. Oggi Luisa Zappitelli, per tutti Nonna Luisa, è in piena salute, nonostante gli acciacchi dell’età. Domenica scorsa, ha compiuto 109 anni e ha festeggiato nel pieno rispetto di tutte le regole. Cittadina di Città di Castello, Luisa è una delle donne più anziane d’Italia: quattro giorni fa si è affacciata al balcone per ringraziare tutti per gli auguri. Lo ha fatto sfoggiando la mascherina perché, ha raccontato, “le regole vanno rispettate sempre”.

Leggi anche:

“Sono sopravvissuta alla spagnola, all’asiatica e a una polmonite. Questo coronavirus non mi fa paura, ma bisogna rispettare le regole”, ha raccontato nonna Luisa, sopravvissuta alla spagnola quando aveva solo 7 anni. “Adesso quando vedo alla televisione quelle povere persone da sole, o nelle case di riposo, mi viene tanta tristezza. Quanto è brutto morire da soli! Io sono fortunata, perché ho i miei figli, i miei nipoti. Uno è anche medico e mi controlla sempre”, ricorda Luisa.

Non ha gradito le parole del Presidente della Liguria Toti sui nonni. “Come si fa a dire che non siamo produttivi? Q uesti politici sono prepotenti e la gente li imita, si rivolta contro l’autorità. È giusto ribellarsi alle ingiustizie, ma bisogna rispettare le regole”, ribadisce Luisa. Per tutta la Città di Castello, la signora è un’esempio anche se, come tutte le persone anziane, è sottoposta a restrizioni e a limitazioni. Per lei, comunque, l’importante è fare il proprio dovere da cittadino.

Per questo, Luisa si è recata a votare lo scorso settembre per il referendum costituzionale: “Il voto per il referendum tra monarchia e repubblica è stato una conquista. Mi sono sentita potente per la prima volta: quando sono uscita dal seggio dove eravamo andate noi amiche insieme, ho detto agli uomini che c’erano lì: ‘Cari uomini, ora comandiamo come voi perché abbiamo votato'”. Proprio per la sua coscienza civile il presidente Mattarella l’ha portata ad esempio.

Non è tutto, perché Nonna Luisa è anche testimonial nazionale di sicurezza stradale: un prestigioso riconoscimento che gli è stato assegnato dall’Associazione Familiari e Vittime della Strada. Il Premio Speciale destinato a un esponente della società civile, introdotto nell’edizione 2017, è andato proprio a lei, per la sua prontezza nel diffondere messaggi di sensibilizzazione all’uso del casco. Inoltre, può vantare un altro record difficile da battere: è l’allevatrice di canarini più longeva d’Italia. Da quasi 50 anni gestisce un ‘allevamento casalingo’ di canarini gialli e bianchi, assieme ai nipoti Gualtiero e Natascia Ercolani, ai figli Dario e Anna.