De Luca contro l’autore del video al Cardarelli: “Ecco la vera storia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:51

Il Governatore della Campania Vincenzo De Luca ha scritto un lungo post su Facebook sull’argomento. Ha attaccato l’autore del video e raccontato la storia. L’uomo morto in bagno non era abbandonato, infermieri alla ricerca di una lettiga.

vincenzo-de-luca-meteoweek
Vincenzo De Luca racconta la sua versione dei fatti – meteoweek.com

Fa ancora discutere il video girato presso il pronto soccorso dell’ospedale Cardarelli di Napoli. Le immagini, divenute virali nel giro di poche ore, hanno mostrato una situazione a dir poco drammatica. In particolare la scena in cui veniva immortalato un uomo, che ha perso la vita nel bagno del pronto soccorso. Un uomo di 30 anni ha girato il video per poi postarla sul suo profilo su Facebook, e da lì ha fatto il giro dei social e del web. Ma Vincenzo De Luca, che non poteva non entrarne a conoscenza, ha voluto rendere nota la reale versione dei fatti.

Lo ha fatto attraverso un lungo post su Facebook, in cui il Governatore della Campania ha spiegato la situazione nell’ospedale napoletano. De Luca ha fatto capire che le cose sono andate in maniera un po’ diversa, rispetto alla narrazione da parte dell’autore del video. Ha svelato che “ieri è giunto al pronto soccorso del Cardarelli già con l’ossigeno da casa, il signor Giuseppe C., di 84 anni. Il paziente, come risulta dalla cartella clinica, era affetto da diabete, ipertensione, aneurisma all’aorta addominale, e già sottoposto in precedenza a intervento di laringectomia“.

Nel corso del suo racconto, il neo-rieletto presidente della regione campana ha svelato la situazione del paziente in questione. Questo “si è alzato dalla barella ed è andato in bagno“. Ma la situazione si è fatta grave quando, trascorsi circa dieci minuti, il paziente non era ancora uscito dal bagno. “L’infermiere, preoccupato del ritardo, è andato a verificare e ha trovato l’uomo riverso a terra privo di vita. Quindi si è allontanato per prendere la lettiga“, ha svelato De Luca. Ed è proprio in quel lasso di tempo che è stato registrato il video incriminato.

Vincenzo De Luca attacca ancora – meteoweek.com

In questi minuti – prosegue De Luca nella sua spiegazione dei fatti – , un altro signore, Rosario R., 30 anni, giunto con mezzi propri al Pronto Soccorso del Cardarelli, ha avuto il coraggio di girare un video e di postarlo poi sui social. In serata, lo stesso giovane, contro il parere dei medici, è andato via dall’ospedale“. Dunque il fatto che il paziente di 84 anni fosse da solo, senza vita e in bagno proprio nel frangente in cui è stato inquadrato, secondo il governatore campano sarebbe solo una fatale coincidenza. Anche se ormai il video ha fatto il giro del web.

Leggi anche -> La protesta di De Luca: ho chiesto 1.400 sanitari ne sono arrivati 7

Leggi anche -> La Campania è zona arancione o gialla? Perchè è così difficile decidere

Dunque Vincenzo De Luca ha fatto la sua denuncia pubblica, sul modo errato di narrare i fatti in un momento cruciale e delicato per il nostro Paese. In ogni caso, il presidente della regione ha voluto esprimere “la doverosa solidarietà alla famiglia del deceduto“. Dopodichè ha voluto invitare “il direttore generale del Cardarelli a esprimere l’apprezzamento per il lavoro straordinario che fanno da sempre, a medici e infermieri di quel pronto soccorso“. Al tempo stesso lo invita a denunciare l’autore di questo video, definito ignobile.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Sottolineando che quanto è accaduto al Cardarelli è “un episodio che poteva capitare in ogni ospedale del mondo“, De Luca ha espresso sdegno per quanto è stato mostrato. Se non altro perchè in questo modo è partita “l’ennesima campagna di vergognoso sciacallaggio contro il Cardarelli e la sanità campana“. Ma c’è di più, visto che il governatore ha intenzione di “procedere legalmente contro il consulente del Ministro della Salute, il signor Ricciardi“. Il motivo è legato alle recenti dichiarazioni da parte dello stesso consulente, il quale ha parlato di “scene da guerra negli ospedali” di Napoli.