Castelfranco in lutto: morto Piero Bernardi, il maestro del gelato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:25

Lutto a Castelfranco: morto Piero Bernardi, il maestro del gelato. L’uomo si è spento a 73 anni a causa di un male che lo aveva colpito lo scorso anno. Lascia sua moglie Evelina e i suoi due figli Christian e Romana.

Piero Bernardi - meteoweek.com
foto via Il Gazzettino

Si è spento all’età di 73 anni Piero Bernardi, il maestro del gelato. La triste notizia, giunta nella serata di giovedì scorso, ha colpito la comunità di Castelfranco (Treviso), ma a portarla all’attenzione dei media è stato Il Gazzettino. Un male l’aveva colpito l’anno scorso e non gli ha lasciato scampo. La moglie ha ricordato così le sue ultime parole: “Il Signore mi sta chiamando”. Mentre gli amici più cari, lo salutano così: “Intraprendente, solare, generoso, altruista, battuta in servizio permanente, punto di riferimento per tanta gente”. I funerali si terranno lunedì 16 novembre alle 15:00, nella parrocchiale di Salvarosa.

Addio al maestro del gelato

Nato a Salvarosa il 27 maggio del 1947, Piero Bernardi ha scritto la storia del gelato nella Castellana. Aveva iniziato la sua carriera nel mondo della ristorazione quando aveva soltanto 14 anni, cominciando a lavorare per il ristorante di Rino Fior. Pochi anni dopo, si era trasferito prima in Francia e poi in Germania, luogo in cui, grazie alla zia, aveva potuto appreso i trucchi del mestiere – quello del gelataio. E sempre in Germania si era guadagnato il soprannome di Pedro, dal quale è poi nato quello che tutti conoscono come il marchio di “Pedro Eis“.

Dopo aver conosciuto sua moglie Evelina, figlia di una famiglia di gelatai da generazioni, aveva deciso di aprire un primo e piccolo negozio di gelati. Negli anni ’90, quando poi è tornato in Italia, a veva invece aperto una nuova attività, un bar gelateria all’interno dell’Iper Castelfranco.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE


La sua grande passione e la sua indiscussa professionalità, lo avevano portato a partecipare ad eventi quali il premio atleta D’Oro Diadora, al Radicchio D’Oro dei Ristoranti del Radicchio, a Miss Italia, al Festival di San Remo, al Buffet del gelato, al Caffè degli specchi alla Fiera del Libri di Francoforte.


Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Come riportato da Il Gazzettino, tra gli amici più cari Carlo Rigato, Giorgio Surian, Piero Gallonetto e Gigetto – proprietario dell’omonimo ristorante. Tutti lo ricordano come un uomo “intraprendente, solare, generoso, altruista“, dalla “battuta in servizio permanente” e come un “punto di riferimento per tanta gente“. Mentre Egidio Fior lo saluta così: “Era meglio di un fratello fin dall’asilo, una vita insieme fatta di momenti belli e meno belli. Grande stima, confidenza, soprattutto rispetto. Una perdita tremenda e non solo per la famiglia”.