Presidente nazionale del 118: “Sono positivo al Covid-19. Poteva succedere ed è successo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:17

Emergenza Covid, il presidente nazionale del 118 Mario Balzanelli ha annunciato su Facebook di essere positivo al virus: “Sempre in prima linea, poteva succedere. Al momento ho solo tosse”.

Mario Balzanelli positivo covid
Mario Balzanelli è positivo al Covid-19 – foto di archivio

Arrivata pochi minuti fa la notizia che il presidente della Società Italiana Sistema 118, Mario Balzanelli, è risultato positivo al Covid-19. Balzanelli, che è anche direttore del Servizio di pronto emergenza di Taranto, ha annunciato personalmente la sua positività al virus attraverso un post su Facebook. “Stando tutti i giorni in prima linea, può succedere. Ed è successo“, ha esordito tramite social. E ha poi spiegato: “A un controllo, sono risultato ieri sera positivo all’esame del tampone per l’infezione da SARS-CoV2. Al momento sto bene, solo qualche colpo di tosse”.

Il presidente nazionale, inoltre, ha fatto sapere che nonostante l’infezione continuerà il lavoro in corso anche da casa, “perché il Sistema 118 di Taranto faccia fronte in modo adeguato a questo momento così drammatico per la vita di tutti noi”.

Balzanelli positivo al Covid: servono anche visiere e occhiali

Diventa ancora più importante, a questo punto, tenere bene a mente i continui messaggi che Balzanelli, negli scorsi giorni, aveva lanciato per promuovere un uso efficace dei dispositivi di protezione individuale contro un virus così subdolo e pericoloso. Più volte, infatti, il presidente nazionale del 118 aveva ricordato come le mascherine da sole non siano sufficienti per contenere la diffusione del cornavirus, ma devono essere usate in combinazione con altri dispositivi, “quali le visiere e gli occhiali anti-droplets“.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE


Proteggere gli occhi dal coronavirus è fondamentale. Mentre la protezione di naso e bocca ha trovato piena dignità di riconoscimento, gli occhi sono stati completamente dimenticati nonostante siano una delle tre porte attraverso cui entra il contagio di massa”, spiegava Mario Balzanelli diversi giorni fa. E ricordava anche come “il virus SARS-CoV2 si lega ai recettori ACE ampiamente presenti nella cornea e nelle congiuntive oculari, e all’interno del film lacrimale defluisce nel naso e nella gola scendendo nelle vie aeree fino ad arrivare in un momento successivo nei polmoni”.


Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

A confermarlo sono ben “50 studi scientifici condotti a livello internazionale”. Per questo, spiegava il presidente nazionale del 118, sarebbe importante promuovere “normativamente l’utilizzo di misure di protezione, individuale e di massa, mediante utilizzo di dispositivi idonei a coprire anche gli occhi, quali le visiere e gli occhiali anti-droplets, peraltro ovunque disponibili, facilmente reperibili e a bassissimo costo, da indossarsi obbligatoriamente, in aggiunta alla mascherina, unicamente nelle circostanze in cui non sia possibile mantenere le distanze interpersonali di sicurezza”.

Un appello alla prudenza e alla maggior protezione individuale, quello di Balzanelli, che si è unito più volte alla promozione di un atteggiamento più sicuro e responsabile da parte dei cittadini, sotto la concreta necessità di alleggerire la pressione ospedaliera e dei reparti di terapia intensiva.

Stando tutti i giorni in prima linea può succedere.
Ed è successo.
Ad un controllo, sono risultato ieri sera positivo…

Pubblicato da Mario Balzanelli su Lunedì 16 novembre 2020