Piccione viaggiatore da record: venduto ad una cifra esorbitante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:30

L’animale di nome New Kim è stato comprato da un acquirente anonimo in Cina dove le gare di velocità sono sempre più popolari.

Piccione viaggiatore da record: venduto ad una cifra esorbitante – meteoweek

Una vendita da record riportata dalla BBC: un piccione viaggiatore allevato in Belgio è stato venduto all’asta per una cifra record di 1,6 milioni di euro: il suo nome è New Kim, una femmina di due anni, che era stata offerta ad un prezzo iniziale di soli 200 euro. L’uccello è stato addestrato in un noto allevamento nella regione di Anversa (nord), ha battuto il record di un altro uccello delle Fiandre, il maschio Armando, venduto per 1,25 milioni euro (1,47 milioni di dollari) nel 2019 allo stesso acquirente.

Il presidente di Pipa, Nikolaas Gyselbrecht ha detto: “Credo sia un record mondiale, non c’è mai stata una vendita ufficiale a questo prezzo. Mai avrei creduto avremmo potuto raggiungere tale cifra”. Sconosciuto il nome dell’acquirente, anche se è praticamente certo che il piccione è destinato all’allevamento. New Kim, il cui prezzo iniziale era di 200 euro, infatti è una campionessa mondiale di distanza: ha vinto diverse gare in Europa, tra le quali la prestigiosa “Ace Pigeon Grand National Middle Distance” che si tiene a Chateauroux e Argenton-sur-Creuse, in Francia.

LEGGI ANCHE:

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

In Europa si allevano uccelli che nel tempo hanno conquistato fama mondiale: sono diventate famose soprattutto in Cina dove la colombofilia e le gare tra piccioni sono un business miliardario, capaci di generare vincite generose. Nel Vecchio Continente l’allevamento dei piccioni da corsa ha radici antiche in Belgio, in Olanda e nel nord della Francia.

Le gare tra volatili negli ultimi decenni avevano perso lustro, mentre prima erano considerati uno sport del popolo. Le case d’asta che hanno fiutato l’affare grazie all’interesse di clienti cinesi e sauditi e hanno cavalcato l’onda creando un vero e proprio business. Ricchi acquirenti provenienti dal Golfo e dall’Asia hanno quindi fatto salire il prezzo dei volatili da corsa europei, in possesso di un particolare istinto che li rende in grado di volare fino a centinaia di chilometri e trovare poi la strada per tornare al nido. Gyselbrecht ha ribadito che solo in Belgio si contano 20.000 allevatori di uccelli da corsa, destinati quasi esclusivamente a competizioni in giro per il mondo. Una cifra incredibile con un mercato folle se si considera l’emergenza sanitaria e la crisi economica che tutti stiamo vivendo.

New Kim è stata addestrata da Gaston Van De Wouwer e suo figlio Kurt, nella loro fattoria di Berlaar, vicino ad Anversa: domenica non hanno venduto solo lei, ma il loro intero allevamento per una cifra non resa pubblica che è stata comunque definita “astronomica”.