Impresario positivo al Covid falsifica tampone per far rientrare dipendenti a lavoro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:21

Impresario positivo al Covid falsifica tampone per far rientrare dipendenti a lavoro. Denunciato a piede libero dagli agenti

Tampone Covid-Meteoweek.com

Un impresario di Roma ha falsificato il referto del tampone a cui era risultato positivo dopo un caso di positività all’interno della sua impresa, per far sì che i suoi dipendenti rientrassero tranquillamente a lavoro. L’uomo, 50 anni, era uno dei due titolari di un’azienda sita nel quartiere Aurelio/Monteverde.

Dato che uno dei due titolari e un dipendente erano risultati positivi al virus, altri 3 lavoratori avevano fatto il tampone, risultato essere negativo per tutti. Ergo i 3 dipendenti avevano chiesto al loro capo di sapere quale fosse il risultato del suo tampone prima di tornare a lavoro e l’uomo aveva detto loro di essere negativo. I lavoratori sono quindi rientrati in azienda, stando spesso a contatto con il loro titolare.

Leggi anche:—>Lopalco su Coronavirus: diventerà malattia stagionale e non andrà più via

Leggi anche:—>Muore per Covid a 45 anni Salvatore Solimeno, campione body building

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Ma gli agenti del commissariato Aurelio hanno indagato sulla vicenda e acquisito il referto col reale esito dalla struttura sanitaria in cui l’imprenditore si era sottoposto a tampone. Esito che in realtà era, appunto, positivo. Nel referto era scritto che l’uomo sarebbe dovuto restare in isolamento domiciliare obbligatorio.

I tre lavoratori hanno quindi fatto di nuovo il tampone e uno di loro è risultato contagiato. L’impresario, invece, si è beccato una denuncia a piede libero.