Categorie
Estero

Coronavirus, quali sono i sei contratti firmati da Von der Leyen per i vaccini

Sono sei i contratti firmati da Ursula von der Leyen per i vaccini anti Coronavirus. L’ultimo, quello con Moderna. Ma vediamo quali.

E’ il vaccino l’unica arma che può tirarci fuori dall’incubo. La corsa dei governi per accaparrarsi le dosi è iniziata da un po’; ma con il passare del tempo l’ipotesi di una cura anti-covid sembra prendere piede e diventare sempre più consistente. “Domani approveremo un nuovo contratto con Moderna per il vaccino anti-Covid”, ha annunciato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Saranno forniti fino a 160 milioni di dosi del vaccino prodotto dall’azienda statunitense: 80 iniziali e 80 opzionabili. “Secondo i risultati dei trial clinici, questo vaccino potrebbe essere altamente efficiente contro il Covid-19”, ha aggiunto la presidente.

Il vaccino del colosso farmaceutico americano, arrivato alla fase 3 della sperimentazione, avrebbe una efficacia del 94.5%. I primi 20 milioni di dosi prodotte entro il 2020 saranno destinati al mercato americano. Nel 2021 sono attese altre dosi per il mercato globale; e l’Europa si fa avanti.

Leggi anche:

Quello con Moderna è il sesto accordo per la fornitura di vaccini in Europa annunciato dalla Commissione Ue. Ma quali sono gli altri? AstraZeneca, Sanofi-Gsk, Johnson&Johson, Pfizer e CureVac; cinque, a cui dunque si aggiunge anche Moderna. Sono stati inoltre sottoscritti contratti per 300 milioni di dosi di un futuro vaccino della società tedesca BioNTech. Per quanto riguarda l’ AstraZeneca, che sta realizzando il vaccino con l’Università di Oxford, gli Stati membri potranno acquistare 300 milioni di dosi del vaccino. Il contratto con la tedesca CureVac prevede l’acquisto di 405 milioni di dosi, se il suo vaccino si dimostrerà sicuro ed efficace.

“Stiamo costruendo uno dei più completi portafogli di vaccini per il Covid-19 al mondo. Sono vaccini sicuri ed efficaci possono aiutarci a porre fine alla pandemia”, ha assicurato Von der Leyen. “Vogliamo garantire che tutti abbiano accesso ai vaccini. Questo è il motivo per cui da maggio abbiamo raccolto quasi 16 miliardi di euro per test, trattamenti e vaccini contro il Coronavirus in tutto il mondo. Abbiamo contribuito con quasi 800 milioni di euro alla Covax Facility. L’obiettivo è garantire vaccini per i paesi a basso e medio reddito”, ha riferito, sicura del piano dell’Europa nella lotta al Covid.