Usa, 130mila nuovi casi di Covid in 24 ore: sfondato il muro dei 12 milioni

Negli Usa non si abbassa la morsa del Covid sui cittadini. Il numero dei morti in tutta la nazione sale a quota 260mila dall’inizio della pandemia. E ora si trema per il Giorno del Ringraziamento.

coronavirus-usa-meteoweek
Gli Stati Uniti proseguono la lotta contro il Covid – meteoweek.com

Aumenta ancora di ben 500mila persone il conteggio delle persone che hanno contratto il Covid-19 nel mondo. Un massiccio contributo viene purtroppo dato, ancora una volta, dagli Stati Uniti, che resta la nazione più colpita dal virus in tutto il mondo. Stando a quanto viene riportato dai dati raccolti dagli esperti della Johns Hopkins University, sono quasi 60 milioni i casi totali di contagio in totale, con il numero dei decessi totali che sfiora il muro del milione e mezzo di unità. Ma come abbiamo detto, purtroppo gli Usa fanno ancora la parte del leone.

L’ultimo aggiornamento è uno dei più drammatici dall’inizio della pandemia di Covid-19 nel Paese. Stando a quanto viene riportato dal nuovo bollettino governativo, negli Usa ci sono state ben 2.100 vittime nelle ultime 24 ore. Si tratta del dato più grave per quanto riguarda i decessi di persone contagiate, se si esclude quello del 6 maggio, quando i soggetti che hanno perso la vita sono stati ben 2.611. Stando a quanto si legge sul Washington Post, tra l’altro, gli Usa sono anche la nazione con il più alto tasso di mortalità al mondo.

Sono sempre più intensi i controlli per le strade – meteoweek.com

Leggi anche -> Covid: anche la Francia ha superato le 50mila vittime

Leggi anche -> Spagna, nuovo test distingue se si ha normale influenza o Covid

Sempre restando sul conteggio delle vittime causate dal Covid-19, gli Stati Uniti ne conta fino a questo momento poco meno di 270mila. Sono per la precisione 263.687 le persone che hanno perso la vita dopo aver contratto il virus dall’inizio della sua diffusione. È stato superato nel frattempo anche un altro limite, ovvero quello dei 12 milioni e mezzo di persone contagiate dall’inizio della pandemia di Covid-19. L’aggiornamento che arriva dai funzionari del Governo parla di poco più di 130mila nuovi casi nelle ultime 24 ore.

E ora sale la tensione in vista del tanto atteso Giorno del Ringraziamento. In vista di quello che negli Stati Uniti viene ribattezzato Thanksgiving si prevedono anche quest’anno milioni di americani che si metteranno in viaggio per festeggiare nelle seconde case. Naturalmente si temono le riunioni familiari con tante persone radunate attorno allo stesso tavolo. L’invito alla prudenza e alla cautela, oltre che al rispetto delle norme, è già stato ribadito dai funzionari, anche se questa potrebbe essere l’occasione per gli americani per riprendersi un po’ di quella libertà perduta in questi mesi.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Dunque non si placa la diffusione del virus tra i confini degli Stati Uniti. Ma la situazione è grave anche nelle nazioni che confinano con gli Usa. Come nel caso del Messico, che stando all’ultimo bollettino nazionale avrebbe portato alla luce oltre 10mila nuovi casi nelle ultime 24 ore. Il Paese ha già superato il muro del milione di contagiati dall’inizio della pandemia, con ben 813 morti che portano il conteggio complessivo delle vittime oltre la quota delle 100mila. Si tratta del bollettino peggiore dalla fine dell’estate, visto che un dato del genere non si registrava dal 1° agosto e non superava le 9.500 unità.