Sale numero di medici morti. L’Ordine: “No a liberi tutti, serve aiuto”

Il numero degli operatori sanitari risultati positivi al Covid-19 è sempre più alto. Dall’inizio dell’epidemia ad oggi ben 221 hanno perso la vita. L’Ordine dei medici lancia l’allarme.

medici
I medici morti a causa del Covid-19 sono ad oggi 221 – meteoweek.com

Il numero di medici morti dopo avere contratto il Covid-19 è ancora in crescita. Ad oggi, coloro che hanno perso la vita lottando in prima linea contro il virus, sono 221. Un dato allarmante, soprattutto in virtù del fatto che sempre più operatori sanitari vengono contagiati sul posto di lavoro. Filippo Anelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Medici, ha avuto questo pomeriggio un’interlocuzione informale con il Ministro della Salute, Roberto Speranza, per discutere di tale drammatico tema.

I decessi e i contagi tra i medici sono ricominciati a salire. Il nostro memoriale, in procinto di essere aggiornato, conta stasera 221 nomi. Ringraziamo il ministro Roberto Speranza per la disponibilità a trovare, in tempi rapidi, soluzioni concrete per avviare un monitoraggio dei rischi sul territorio e mettere in sicurezza tutti i medici“. Lo ha detto Filippo Anelli al termine dell’interlocuzione.

anelli medici
Filippo Anelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Medici – meteoweek

Il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici, inoltre, ha lanciato l’ennesimo appello alla popolazione. “Non ripetete gli errori dell’estate: il virus circola ancora, e in maniera molto più forte rispetto all’estate, quando uscivamo da due mesi di lockdown totale. Continuiamo a limitare gli spostamenti a quelli necessari e a rispettare le misure igieniche di prevenzione“.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Una delle preoccupazioni espresse da Filippo Anelli nell’interlocuzione informale con il Ministro Roberto Speranza, infatti, riguarda proprio il periodo delle festività. “Il Natale si avvicina, aumenta il desiderio, legittimo e sacrosanto, di ricongiungimento con i familiari lontani, di festeggiare insieme agli amici. Facciamolo ma con misura e prudenza. A Natale le misure restrittive messe in atto dal Governo avranno sicuramente raffreddato la curva dei contagi. Ma questo non significa un ‘liberi tutti“.


Leggi anche:


E ribadisce: “Non ripetiamo gli errori di Ferragosto, non compromettiamo in pochi giorni mesi di sacrifici. Siamo tutti coinvolti in questa partita, solo impegnandoci nella stessa direzione – ha concluso Anellipossiamo abbassare la curva“.