Piano pandemico non aggiornato, M5s: “Conte sostituisca Speranza”

La richiesta è stata avanzata da Francesco Sapia, deputato del Movimento 5 stelle e componente della commissione Affari Sociali.

Piano pandemico non aggiornato, M5s: "Conte sostituisca Speranza" - www.meteoweek.com
Roberto Speranza, ministro della Salute. Credit: Roberto Speranza Facebook

Aumentano le tensioni nel governo. Ad aggravare la già precaria stabilità dell’esecutivo, minacciata nelle ultime settimane dagli attacchi di Matteo Renzi, interviene il Movimento 5 stelle. In particolare un’interrogazione indirizzata al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a proposito dello scandalo del piano pandemico nazionale non aggiornato. I servizi mandati in onda sulla questione, prima dalla trasmissione Report su Rai 3, poi da Non è l’arena su La 7, riportano all’attenzione la mancata consegna del documento da parte dei ministri della Salute che si sono susseguiti negli anni interessati. Cioè dal 2006, data dell’ultimo aggiornamento del piano.

L’interrogazione al premier

L’interrogazione al premier è stata fatta da un esponente del Movimento 5 stelle, Francesco Sapia, nonché componente della commissione Affari sociali. “Se nel governo della salute pubblica la responsabilità politica non è un’opinione – ha detto il deputato – davanti alle inchieste di Report e alle dichiarazioni del ricercatore dell’Oms Francesco Zambon che il programma Rai ha trasmesso ieri sera, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte deve sostituire subito il ministro della Salute“.

La nota del deputato

Il motivo di tale richiesta viene spiegata dal parlamentare attraverso una nota ufficiale. Al suo interno, Sapia ha sottolineato la “censura di fatto del rapporto stilato da Zambon e altri sulla gestione della pandemia da parte dell’Italia”, facendo riferimento al documento critico sulla risposta italiana alla pandemia di coronavirus pubblicato il 13 maggio 2020 dall’Oms ma rimosso il giorno dopo. “Di fronte al dolore, alla sofferenza e alla crisi sanitaria, economica e sociale del Paese, non è ammissibile – si legge ancora nella nota – che vi siano sospetti di condizionamenti politici dell’Oms, chiamata a svolgere un ruolo essenziale per la tutela della salute pubblica”.

Leggi anche: Italiani bloccati in Gb, Meloni attacca: “Di Maio la smetta con le passerelle”

La credibilità del governo e le responsabilità di Speranza

Com’è sottolineato nel messaggio del deputato, “la vicenda raccontata dalla stampa è troppo grave, per cui va affrontata con azioni immediate. Compresa, come ho chiesto nella mia interrogazione al presidente Conte, la verifica di eventuali responsabilità dirigenziali all’interno del ministero della Salute.

Piano pandemico non aggiornato, M5s: "Conte sostituisca Speranza" - www.meteoweek.com
Piano pandemico non aggiornato, M5s: “Conte sostituisca Speranza” – www.meteoweek.com – Credit: Pixabay

Determinare che tipo di coinvolgimento abbia avuto Speranza nella vicenda è fondamentale, perché si tratta di “un problema serissimo, che rischia di compromettere la credibilità dell’intero governo italiano”. Non solo. Stando a quanto aggiunge il parlamentare pentastellato, “la questione è molto più grave di quella per cui si dimise il commissario alla Sanità calabrese, Saverio Cotticelli. Ritengo che il ministro Roberto Speranza non possa più restare al suo posto. La politica deve dare segnali inequivocabili, intanto ai più alti livelli istituzionali”.

Leggi anche: Vaccino, Zampa: “Se tutto va bene, l’Italia sarà al sicuro a ottobre 2021”

Il coinvolgimento dell’ex ministra Grillo

Al momento, tuttavia, il ministro Speranza non risulta tra coloro che erano a conoscenza della vicenda. Agli atti dell’indagine della Procura di Bergamo sulla gestione della pandemia nella provincia più colpita, invece, c’è un ‘Appunto’ datato primo agosto 2018. Inviato dal direttore generale della prevenzione sanitaria del Ministero della Salute, Claudio D’Amario, all’allora ministro della Salute, Giulia Grillo, nel documento si dà conto della “necessità di predisporre un nuovo piano nazionale di preparazione e risposta a una pandemia influenzale”.