Opposizione, Berlusconi: “Fi come forza trainante del centrodestra”

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, crede che il suo partito possa tornare a essere la guida del centrodestra italiano.

Opposizione, Berlusconi: "Fi come forza trainante del centrodestra" - www.meteoweek.com
Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia. Credit: Silvio Berlusconi Facebook

“Forza Italia vuole tornare a ricoprire il ruolo che le spetta, di forza trainante della coalizione di centro-destra”. Lo ha detto Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, in videoconferenza con i gruppi parlamentari di Forza Italia e le organizzazioni interne. L’incontro consisteva in un appuntamento informale, convocato per scambiarsi gli auguri di Natale. Ma ha dato qualche indizio sulla comunicazione politica che ha intenzione di adottare l’ex premier nei prossimi mesi. Nonostante solo pochi giorni fa Berlusconi abbia detto a Il Messaggero di non vedere “un nuovo governo all’orizzonte”, il suo partito si prepara a risalire nei sondaggi.

La crescita di Forza Italia nei sondaggi

Il discorso del leader, infatti, ha ruotato intorno a un dato: “L’altro ieri – ha detto – un sondaggio del Corriere della Sera ci dava al 9,3 per cento, con una crescita percentuale di più di un punto rispetto alle settimane precedenti. È solo un primo passo, ma è un passo nella direzione giusta”. E lo ha notato anche Matteo Salvini, capo della Lega, visti i sondaggi. Secondo l’ultima analisi settimanale Swg, infatti, la Lega continua a calare, nonostante resti il primo partito d’Italia. Per questo, forse, il segretario del Carroccio ha già anticipato di non voler fare da guida in un eventuale governo di centrodestra.

Leggi anche: Vaccino, Zampa: “Se tutto va bene, l’Italia sarà al sicuro a ottobre 2021”

Le alleanze di Forza Italia

Non sempre Forza Italia e Lega sono andate d’accordo negli anni, nonostante giochino “dalla stessa parte”. Berlusconi, inoltre, è diventato imprevedibile in fatto di alleanze dall’epoca del patto del Nazareno, risalente al 2014. In quell’anno il Cavaliere aveva siglato un accordo con Matteo Renzi, allora segretario del Partito democratico. Su questo tema, il numero uno di Fi ha spiegato, forse dimenticando il passato: “Noi siamo i garanti in Europa e nel mondo del carattere liberale del centro-destra in Italia. La nostra identità di centro liberale significa però che siamo del tutto incompatibili con la sinistra in ogni sua declinazione“.

Leggi anche: Italiani bloccati in Gb, Meloni attacca: “Di Maio la smetta con le passerelle”

I post di Berlusconi

Il leader di Forza Italia non vede un nuovo governo all’orizzonte, ma nel dubbio inizia una sorta di campagna social. Nel giro di un’ora, martedì 22 dicembre, ha pubblicato quattro post sulla sua pagina Facebook. Nell’ultimo attacca il governo: “Questo governo mette insieme forze che fino al giorno prima, ed anche in campagna elettorale, si erano combattute in modo addirittura feroce. Però il collante che le tiene insieme, la paura di una svolta come quella che gli italiani vorrebbero, è molto forte”.

In quello precedente ribadisce quanto detto in videoconferenza con i colleghi di Fi:

E ancora, in un altro post celebra il suo partito: “Forza Italia è nata come forza di libertà e come forza di cambiamento”, è scritto sulla foto pubblicata. E la didascalia recita: “Abbiamo vinto tante volte negli anni proprio per questo. È una caratteristica che non dobbiamo mai perdere”.

Fino ad arrivare al primo post pubblicato nel corso del pomeriggio, in cui annuncia la videoconferenza di Forza Italia organizzata per lo scambio degli auguri. È scritto sulla pagina Facebook di Berlusconi: “Ci lasciamo alle spalle un anno difficile, doloroso. Non festeggeremo il Natale e il Capodanno come siamo abituati a fare. Sono certo però che nelle nostre case festeggeremo ugualmente, perché nulla può cancellare il valore del Natale, la Festa che ci ricorda che la vita vince sempre sulla morte, il bene sul male, la luce sulle tenebre. Sono in videoconferenza con i parlamentari e i dirigenti di Forza Italia per gli auguri di Natale”.