Foglie secche? Meglio non buttarle. Ecco come utilizzarle in modo pratico

Autunno, sinonimo di cumuli di foglie secche lungo viali e giardini. Ecco qual è il loro utilizzo dopo la raccolta…

Foglie secche cadute-utilizzi-Meteoweek.com
Photo Adobe Stock

In autunno, quando gli alberi e gli arbusti si addormentano, perdono il fogliame e nel giardino si forma una spessa coltre di utili foglie morte. per gli uomini invece è la stagione in cui si sbloccano le grondaie e si raccolgono le foglie. Molti utilizzano quest’ultime come fertilizzante per giardini e orti, ma sono utili anche a proteggere le piante più vulnerabili. In giardino tutto ha uno scopo e nulla è perduto. Ecco come trasformare le tue foglie morte in qualcosa di incredibilmente utile.

In giardino come fertilizzante

Usa foglie sane – Non tutte le foglie morte sono buone come fertilizzante. Verifica che le foglie che stai utilizzando siano prive di parassiti, funghi e malattie perché potrebbero svernare e ricomparire in primavera. In genere, evitate di tenere le foglie con macchie nere o che mostrano segni di septoria. La maggior parte dei funghi tende a svernare e poi tornare più forte che mai quando il sole splende di nuovo. L’unica soluzione è distruggerli con il fuoco.

Foglie secche utilizzo-Meteoweek.com
Photo Adobe Stock

Evita le foglie coriacee – Alcune foglie impiegano molto tempo per rompersi, come le foglie di: alloro, platano o ligustro selvatico. Possono volerci anni prima che si rompano, per questo motivo i loro nutrienti non saranno immediatamente disponibili per le piante. Tuttavia, le foglie coriacee sono ottime se vuoi tenere lontane le erbacce, o per difendere le piante dalla morsa del freddo invernale, dalle gelate o altro, la cosiddetta pacciamatura.

La pacciamatura

Il procedimento che si effettua in giardinaggio e in agricoltura per: salvaguardare le piante dalle malerbe; mantenere l’umidità nel suolo; proteggere il terreno dall’erosione, dall’azione della pioggia battente ed evitare la formazione della cosiddetta crosta superficiale; mantenere la struttura e mitigare la temperatura del suolo, si chiama pacciamatura.

Pacciamatura: foglie secche -Meteoweek.com
Photo Adobe Stock

Quando l’inverno si avvicina in punta di piedi e compaiono i primi periodi di gelo, un buon pacciame può proteggere anche le piante più vulnerabili. Molti fiori di bulbo e tubero come la dalia e il gladiolo, la begonia tuberosa e anche il giglio del Nilo sono vulnerabili al freddo e richiedono una buona copertura invernale, per questo motivo, vanno protetti con una copertura di foglie morte di circa 40 cm di spessore. Nota che se la tua zona ha inverni davvero rigidi, è meglio portare bulbi e tuberi in casa durante l’inverno, perché le foglie morte potrebbero non essere sufficienti.

LEGGI ANCHE ——–> Scienza: Ecco cosa accade al cervello se non cammini abbastanza

Se hai un albero di banane , fai un cerchio attorno alle sue foglie con una recinzione di filo metallico e riempilo con uno strato molto spesso di foglie morte, di circa 32 pollici (80 cm) di spessore, anche fino a 40 pollici (1 m). Puoi farlo anche per nuovi impianti. Nelle aiuole, ad esempio, le foglie coriacee ostacolano la crescita della vegetazione infestante per due o tre stagioni. Altri arbusti o alberi che lasciano foglie spesse e coriacee sono: l’agrifoglio, yaupon, mahonia e una miriade di arbusti di palma.

LEGGI ANCHE ——–> In aereo? Sempre meglio spegnere il telefono. Ecco perché

Molte piante della brughiera più grandi come la camelia e la magnolia hanno anche foglie spesse e difficili da abbattere. Le foglie morte ostacolano anche la crescita delle infestanti che hanno difficoltà a farsi strada attraverso uno spesso strato di foglie. Se un seme cade in cima a un mucchio di foglie e germogli, si secca prima che la radice possa arrivare a terra. Ora dopo tuti questi consigli sai esattamente cosa fare con le foglie morte del tuo giardino!