Usa, poliziotto uccide afroamericano disarmato: proteste e indignazione

Negli Stati Uniti l’ennesimo caso di un poliziotto bianco che uccide un afroamericano disarmato. Scoppiano le proteste e manifestazioni antirazziste e contro la brutalità della polizia.

Un afroamericano è stato ucciso da un agente bianco della polizia a Columbus. Ennesimo caso nel paese e il secondo caso in poche settimane nella città del nord degli Stati Uniti. Il poliziotto ha sparato l’uomo afroamericano che si trovava nel suo garage nel giro di 10 secondi. L’uomo che è stato ucciso era Andre Maurice Hill di 47 anni, si trovava nel suo garage di casa lunedì sera quando il poliziotto l’ha colpito più volte. Questo episodio ha alimentato le proteste di antirazzismo e indignazione che seguono la scia degli avvenimenti della primavera e del movimento Black Lives Matter.

La polizia aveva ricevuto una chiamata per un piccolo incidente. Si stavano recando sul luogo quando qualcuno ha segnalato un ragazzo all’interno di un’auto. Tutto è avvenuto in tempi brevissimi come dimostra anche il video pubblicato sul sito TMZ. Nel breve video registrato dalla telecamera portatile dell’agente si vede Hill che si dirige verso l’agente di polizia con un telefono cellulare nella mano sinistra, l’altra mano non è visibile nel video.

poliziotto uccide afro

Poliziotto uccide afroamericano negli Usa, proteste per l’ennesimo caso di razzismo

Da quello che si vede nel breve video dopo pochi secondi l’agente Adam Coy spara a Hill e l’uomo cade a terra. Solo dopo diversi minuti l’agente Coy e il suo collega si sono avvicinati al corpo della vittima che era ancora in vita. Dopo poco Hill è deceduto ma gli agenti non gli hanno nemmeno dato i primi soccorsi. Per questo indignitoso gesto sono scattate le proteste e sono stati presi provvedimenti.

LEGGI ANCHE: Roma, entra in chiesa con un machete e distrugge la statua di San Francesco

Adam Coy è stato sospeso, il sindaco di Columbus stesso, Andrew Ginther indignato per l’accaduto e l’inutile sparatoria, ha chiesto il licenziamento dell’agente colpevole. Il sindaco, infatti, ha sottolineato di aver notato che nessuno si è precipitato per dare soccorso a Hill, ha sottolineato questa mancanza degli agenti del primo soccorso che evince dal video della bodycam e ciò lo ha lasciato più indignato del gesto stesso di abuso di potere.

LEGGI ANCHE: Prete indagato per abusi su minori: allontanato dalla Diocesi. Sindaco:”Siamo increduli”

Inoltre, secondo i media locali, l’agente Coy aveva già denunce a suo carico per uso eccessivo della forza. Purtroppo, non è l’unico agente di polizia ad abusare della sua carica e le vittime aumentano sempre di più. Andre Hill è il secondo afroamericano ucciso dalla polizia in meno di tre settimane a Columbus. Il 4 dicembre scorso la polizia aveva ucciso Casey Goodson Jr., un ragazzo di 23 anni, anch’egli disarmato che tornava a casa dopo aver comprato dei panini.