Cane muore folgorato da una luminaria: è il sesto in pochi giorni

Non c’è stato nulla da fare per un cane rimasto ucciso da una scarica di corrente provocata da una luminaria di Natale caduta in una pozzanghera

Cane

 

É accaduto a Villavesco in provincia di Lodi, dove un cane che era al passaggio con la sua padroncina è rimasto folgorato da una scarica elettrica.

Cane fuminato da una luminaria

Un Capodanno tristissimo per la famiglia di Claudio Longoni, il proprietario del cane che si è sfogato con un toccante video pubblicato su Facebook.

L’uomo era a passeggio con il cane e la figlia quando all’improvviso il cagnolino è andato in una pozzanghera ricevendo una violentissima scarica elettrica.  Inutile i tentativi di rianimare l’animale per il quale non c’è stato nulla da fare.

LEGGI ANCHE > Michele Santoro muore in bici: la tragedia per schivare un cane

Sei casi simili

Purtroppo non si tratta del primo incidente del genere che è accaduto in questi giorni di festività natalizie. Secondo le denunce sono stati almeno sei i casi segnalati di cani vittime di scariche elettriche a terra da luminarie cadute o difettose. L’obbligo, quando una luminaria cade a terra, soprattutto in presenza di umidità neve o pozzanghere come in questi giorni, sarebbe quello di togliere tensione. Ma a quanto pare, nonostante la luminaria fosse caduta già da questa mattina, nessuno ha provveduto.

LEGGI ANCHE >Abbandonano un bimbo di 3 anni col suo cane in un cimitero alla vigilia di Natale

Anche a Milano

Lo stesso episodio si era verificato già ieri a Milano. Kaos, a spasso con il suo padrone, era caduto a terra folgorato. Il suo proprietario, sotto shock, è finito a sua volta in ospedale colto da malore. Claudio Longoni, in lacrime, nel suo video che è immediatamente diventato virale raccogliendo molte adesioni e cordoglio su Facebook si chiede come sia possibile una mancanza di questo tipo: “Sono affranto per il mio cane ma l’episodio è accaduto in pieno centro, davanti alla posta di Bareggio. La stessa cosa poteva costare la vita anche a un bambino…”