Giovanna Ralli: chi è, età, carriera, Alberto Sordi, la vita privata

Attrice di talento, bellezza cristallina, Giovanna Ralli è una delle attrici più amate ed apprezzate dal grande pubblico. Ecco alcune curiosità sulla sua vita privata e sulla sua straordinaria carriera sul grande schermo.

La carriera di Giovanna Ralli

Talento sopraffino, bellezza senza tempo, Giovanna Ralli è una delle attrici più amate del mondo del cinema nostrano. Nella giornata di ieri ha compiuto 86 anni, una vita spesa per la sua grande passione: il grande schermo. Debutta giovanissima, ad appena sei anni, nel film La Maestrina, datato 1942, di Giorgio Bianchi, mentre l’anno seguente è diretta da Vittorio De Sica in una delle prime pellicole del maestro, I Bambini ci guardano. A 15 anni diviene Miss Lazio e inizia a collaborare con i più grandi del tempo. Nel 1950 appare in Le luci del varietà di Alberto Lattuada e Federico Fellini, in Signori in carrozza! di Luigi Zampa e in La famiglia Passaguai di Aldo Fabrizi.

Ralli è ancora giovanissima e viene doppiata a causa del mancato accento romano, anche se romana doc. Verso la metà degli anni ’50 un incontro cambia la sua vita lavorativa ma anche sentimentale: quello con Sergio Amidei. Sono anni d’oro per l’attrice che nel ’53 recita in Anni facili di Zampa e raggiunge il successo con Le ragazze di San Frediano, di Valerio Zurlini del 1955. Viene poi diretta da Mario Monicelli in Un eroe dei nostri tempi, da Luciano Emmer ne Il Bigamo e, dallo stesso regista, nel 1957 in Il momento più bello, al fianco di Marcello Mastroianni.

Leggi anche —–> Claudia Mori, il retroscena sul rapporto con il marito Adriano: “La sera quando vado a letto….”

Vita privata di Giovanna Ralli

Come detto l’attrice ha avuto una lunga e bellissima storia d’amore con lo sceneggiatore e produttore triestino Sergio Amidei. L’attrice, durante la sua carriera hollywoodiana, ha avuto una relazione con l’attore Michael Caine, incontrato sul set del film Passo falso, del 1968.

In seguito ha sposato, nel 1977, l’avvocato Ettore Boschi, al quale rimarrà legato sino alla morte di quest’ultimo, avvenuta nel 2013.

Leggi anche —–> Alessia Mancini, l’avete mai vista da piccola? Lo scatto del passato

Gli anni ’70 e i grandi successi

Nel 1959 nasce il sodalizio con Roberto Rossellini che la dirige in Il Generale della Rovere, nel film Ed era notte a Roma e, nel 1961, nel film Viva l’Italia. Nel 1959 gira uno dei suoi maggiori successi, Costa Azzurra, al fianco di un allora già famosissimo Alberto Sordi: tra i due nascer una profonda e sincera amicizia che durerà fino alla scomparsa del grande attore. Un’amicizia che, allora e nel corso degli anni seguente, è stata spesso chiacchierata come un flirt, negato però da entrambi.

Nel 1964, per la sua straordinaria interpretazione nel film La fuga, ottiene il suo primo Nastro d’Argento come migliore attrice protagonista. Negli anni seguenti si afferma sempre di più come sex symbol, tanto che Playboy le dedica una copertina nel 1968. Il suo secondo Nastro d’Argento arriva nel 1974 nel cult C’eravamo tanto amati, del 1974 del regista Ettore Scola. Si è ritirata pian piano dalla scene, salvo qualche sporadica apparizione.