Covid, registrato il primo caso di variante inglese a New York

La variante inglese del Covid è arrivata anche a New York. Ad averla contratta è un gioielliere del posto, caso questo che va ad aggiungersi agli altri nove americani in quattro stati diversi che sono stati contagiati dal nuovo ceppo. A darle l’allarme è il governatore Andrew Cuomo, il quale ha affermato che: «la diffusione all’interno della comunità è già in atto». L’uomo, 60 anni, infatti, sostiene di non aver viaggiato nell’ultimo periodo.

Variante inglese negli USA

Sulla variante inglese non si hanno informazioni certe. Si ritiene che questo ceppo sia più trasmissibile e che si diffonda con maggiore facilità tra i bambini. Non si pensa sia più grave, tant’è che non si è registrato un tasso di mortalità più alto. Su quanto la suddetta variante sia diffusa negli Stati Uniti, i funzionari non hanno dati certi. Ciò che si teme è che sia in circolazione già da ottobre. Al momento, lo stato di New York ha eseguito 5.000 test circa per la variante.

LEGGI ANCHE: Sonia muore 48 ore dopo aver fatto il vaccino anti Covid. Il padre: “Mia figlia stava bene”

Primo caso a New York

Si tratta di un gioielliere di New York, della contea di Saratoga. Con lui, nel suo stesso negozio, lavorano altre tre persone: tutte positive al Covid-19. I funzionari stanno ora rintracciando tutte le persone che tra il 18 dicembre e il 24 sono state in contatto con il 60enne per far sì che possano sottoporsi al tampone. « Stiamo esaminando i dipendenti della gioielleria. L’uomo sembra essere in via di guarigione» afferma il governatore. Per ultimo, un appello alla popolazione: «Trattandosi di uno stabilimento di vendita al dettaglio, abbiamo bisogno della vostra collaborazione».