Nuovo decreto, ecco le regole dal 7 al 15 gennaio

Prevista per il 7 gennaio l’entrata in vigore del nuovo decreto del governo che regola gli spostamenti fino al 15 gennaio. Il weekend del 9-10 sarà arancione per tutta Italia. Negli altri giorni, invece, sarà applicata la fascia gialla rafforzata. Confermato il coprifuoco dalle 22 alle 5, l’uso della mascherina all’aperto e al chiuso, e il divieto di assembramento e feste in locali pubblici e privati.

dpcm 15 gennaio - meteoweek.com
MeteoWeek.com (da Getty Images)

E’ arrivata la firma del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, a conferma del decreto legge con misure anti-Covid delineato a seguito di un lungo Consiglio dei ministri. Il decreto entrerà in vigore da domani – 7 gennaio – e resterà valido fino al 15 gennaio. Si tratta di una misura ponte, che avrà il compito di stabilire le regole tra la data di scadenza del decreto natalizio e quella dell’ultimo Dpcm, e prima del nuovo Dpcm che sarà emanato prima del 16 gennaio. Intanto dal 7 al 15 gennaio è previsto l’alternarsi di giorni gialli e arancioni, ma con costante divieto di uscire dalla propria regione: il weekend del 9-10 gennaio sarà arancione per tutta Italia, mentre negli altri giorni vigerà una fascia gialla rafforzata. Confermato il coprifuoco dalle 22 alle 5, l’obbligo di mascherina all’aperto e al chiuso, e il divieto di assembramenti e feste nei locali pubblici e privati.

In genere dal 7 al 15 gennaio 2021 sarà vietato ogni spostamento in entrata e in uscita tra diverse regioni o province autonome. Restano consentiti, però, gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, di necessità e salute. E’ sempre consentito il ritorno alla propria residenza, domicilio o abitazione, ma sono esclusi gli spostamenti verso le seconde case che si trovano in un’altra regione o provincia autonoma. Dal 7 al 15 gennaio, inoltre, è sempre consentito “spostarsi una volta al giorno, in un massimo di due persone, verso una sola abitazione privata del proprio comune. Alla persona o alle due persone che si spostano potranno accompagnarsi i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con queste persone convivono“. Se si è in fascia arancione lo spostamento in questo caso è consentito all’interno della regione, mentre se si è in zona rossa solo all’interno del proprio comune.

Leggi anche: Scuole superiori: riapertura dall’11 gennaio, ma è corto circuito stato-regioni

Il calendario

Volendo fare un po’ di ordine per i prossimi giorni: il 7 e l’8 gennaio l’Italia è in zona gialla rafforzata. Confermata la possibilità di uscire dalle 5 alle 22, purché si rimanga nella propria regione. Consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata una volta al giorno, nei limiti di 2 persone ulteriori rispetto a quelle già conviventi (sono esclusi dal computo i minori di anni 14 e le persone disabili o non autosufficienti conviventi). Prevista l’apertura di bar e ristoranti fino alle 18 per il servizio al tavolo. Riconfermato l’obbligo di stare al massimo in quattro persone se non conviventi. L’asporto è invece consentito fino alle 22, la consegna a domicilio senza limitazioni. E’ importante ricordare che per l’asporto è vietata la consumazione nei pressi del locale. Aperti negozi e centri commerciali, parrucchieri e centri estetici. Consentita l’attività motoria, e permessa l’attività sportiva, purché sia svolta in maniera individuale.

Per il weekend del 9 e 10 gennaio, invece, è prevista l’introduzione della zona arancione: vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dalla Regione, e tra Province e Comuni. Fanno eccezione gli spostamenti per comprovate esigenze lavorative, necessità o salute. Consentiti anche anche gli spostamenti dai Comuni con popolazione non superiore a 5mila abitanti e per una distanza non superiore a 30 km dai relativi confini (resta comunque vietato lo spostamento verso il capoluogo di provincia). Chiuso il servizio al tavolo di bar e ristoranti, ma consentito l’asporto fino alle 22 e l’ordinazione a domicilio. Aperti supermercati, parrucchieri, centri estetici, farmacie, edicole e tabaccai ma anche i negozi al dettaglio, esclusi quelli di abbigliamento, calzature e gioielli. Consentita l’attività motoria e sportiva individuale all’aperto.

Leggi anche: Ed ora spunta la zona bianca dal 15 gennaio: in cosa consiste la proposta

Dall’11 gennaio, invece, torna la divisione in fasce di colore. Per decretare le zone da applicare in ogni regione sarà necessario attendere il monitoraggio dell’8 gennaio, tenendo conto dell’Rt e dei parametri stabiliti dall’Istituto superiore di sanità. Proprio a proposito di Rt, ci sono delle novità: si dovrebbe rimanere in fascia gialla con un Rt inferiore all’1; si entra in fascia arancione con Rt pari a 1 fino ma inferiore a 1,25; si entra in fascia rossa con Rt pari o superiore a 1,25. Spetterà poi a ogni governatore firmare ordinanze più restrittive rispetto a quelle stabilite dal governo (anche in materia di scuole, aperture negozi e centri commerciali). I singoli sindaci, invece, potranno decidere se chiudere piazze o strade per gestire al meglio il rischio assembramenti.