Categorie
Estero News

In Francia frontiere chiuse con la Gran Bretagna e no alla riapertura dei negozi

Il premier Castex ha dichiarato che a causa della variante inglese del Covid-19, già individuata in una ventina di casi in Francia, “le frontiere con la Gran Bretagna resteranno chiuse fino a nuovo ordine”, il ministro ha inoltre aggiunto: “Prendiamo molto sul serio le minacce della variante inglese e di quella sudafricana”, ha precisato il ministro della Salute, Olivier Véran, al fianco di Castex per una conferenza stampa destinata a fare il punto sulle regole sanitarie.

La paura delle varianti in UE

Le due varianti, inglese e sudafricana, “preoccupano particolarmente” le autorità, ha sottolineato Véran. “Quella sudafricana è ancora poco conosciuta – ha spiegato – è stata individuata in 3 pazienti in Francia. Quella inglese è meglio conosciuta e quello che sappiamo è che viene considerata come più contagiosa, nell’ordine del 40% – 70% in più rispetto al virus iniziale. È diventata la variante maggioritaria in Inghilterra”. “Tutte le persone che arrivano dalla Gran Bretagna e dal Sudafrica – ha aggiunto Véran – dovranno presentare al loro arrivo in Francia la prova di un test molecolare negativo effettuato meno di 72 ore prima della partenza”.

LEGGI ANCHE: Fallito il lockdown leggero in Germania, ecco cosa sta accadendo

Rimandata l’apertura degli esercizi commerciali

Il premier ha inoltre dichiarato che “tutti gli esercizi che sono attualmente chiusi, lo resteranno almeno fino a fine gennaio”. Non riapriranno dunque, come precedentemente annunciato dal presidente Emmanuel Macron, dal 20 gennaio, bar, ristoranti, cinema, musei e palestre. Non riapriranno neppure gli impianti di risalita. Per bar e ristoranti, chiusi da ottobre, “la prospettiva di una riapertura è rinviata almeno a metà febbraio”.