Azzolina: Senza scuola non c’è crescita, io continuo a battermi

Lucia Azzolina, dopo un anno dal suo giuramento come Ministra, non si perde d’animo: “Sento ogni giorno tutta la responsabilità dell’incarico. Mi batto per la scuola perché senza la scuola non c’è crescita, aumentano le disuguaglianze, si blocca l’ascensore sociale. E a pagare sono sempre i più deboli. Continuerò a lavorare in questa direzione, senza risparmiarmi”. Azzolina si appella all’articolo 34 della Costituzione, definendolo “uno dei più belli, che mi ha permesso di immaginare e costruire un futuro da donna libera, pur partendo da una condizione di svantaggio”. Sulla sua pagina Facebook, la Ministra ringrazia tutti coloro che l’hanno sostenuta. Promette anche di lavorare sempre in questa direzione, verso la salvaguardia della scuola. “Un Paese che pensa concretamente al proprio futuro, ha la necessità di proteggere le nuove generazioni, di investire sulla loro formazione. Siamo ancora dentro la sfida terribile di questa emergenza, ma guardiamo anche al futuro, grazie all’opportunità del Recovery Plan. Ci sono le risorse per rilanciare definitivamente il sistema scolastico“. E poi conclude, ricordando ancora l’emozione del giuramento, in presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: “Grazie a tutti coloro che mi hanno sostenuta, ma anche a chi ha mosso critiche costruttive, aiutandomi a lavorare meglio”.

Leggi anche: Incidente drammatico: perde il piede in una tranciatrice, grave un 28enne

senza scuola non c'è crescita