Crisi di governo, lo strappo tra Movimento 5 Stelle e Italia Viva è definitivo

Si apre una crisi di governo ormai apparentemente irrisolvibile tra le due compagini di governo: ultimi tentativi di dialogo

Teresa Bellanova, crisi di governo _
La ministra delle politiche agricole e forestali Teresa Bellanova conferma l’imminente crisi di governo (Foto Meteoweek)

La giornata del martedì trascorre tra dissensi e voci. Se ieri Matteo Renzi minacciava l’uscita di scena con i conti su una fiducia da presentare al Parlamento, oggi la notizia è l’uscita dall’esecutivo dei ministri di Italia Viva.

Bellanova apre la crisi di governo?

I ministri in carico a Italia Viva nel secondo governo Conte sono due: la ministra per le pari opportunità Elena Bonetti e quella alle politiche agricole e forestali Teresa Bellanova cui si aggiunge il sottosegretario agli affari esteri Ivan Scalfarotto. Che la giornata dello strappo fosse arrivato lo si è capito fin dalla mattinata. Poi Teresa Bellanova ha confermato: “Bisogna prendere atto che una fase è chiusa e capire se si possa aprire un percorso di riscrittura di un programma. Si era iniziato a farlo, per iniziativa di Matteo Renzi, Zingaretti, Crimi e Speranza, che avevano incontrato Conte a novembre”.

Le parole della ministra alle politiche agricole – che è anche capo delegazione di Italia Viva in Senato – si prestano a una doppia interpretazione. Continuare nel dialogo per un ultimo tentativo di riconciliazione o, addirittura, lasciare l’esecutivo.

LEGGI ANCHE > Crisi di governo, Matteo Renzi: “Da Conte nessuna risposta. Ma se vuole fare la conta in Aula, sbaglia”

Azzolina “Lo strappo non si ricuce”

Uno dei primi a reagire della squadra di governo è Vincenzo Spadafora, ministro dello sport e delle politiche giovanili: “Lo strappo c’è. Non possiamo essere sempre appesi alle prossime 48 ore che non finiscono mai e sembrano essere le più lunghe della storia repubblicana. Se la crisi sarà formalizzata col ritiro delle ministre come più volte dichiarato da Renzi, la collaborazione tra Italia Viva e il Movimento 5 Stelle non potrà proseguire in alcun modo e in alcuna forma in futuro”.

Impensabile dunque un rimpasto che coinvolga ancora Matteo Renzi e Italia Viva.

Lo sottolinea anche la ministra alla pubblica istruzione Azzolina: “Questa crisi ora, e in piena pandemia è insensata – scrive su Twitter la Azzolina che sottolinea un altro passaggio – difficile pensare di ricucire con chi strappa”