Ascoli Piceno, un uomo accoltellato a morte in centro: un fermo

Grave episodio di cronaca nel centro di Ascoli Piceno dove un uomo è stato ucciso a coltellate, l’aggressore è già in arresto

Omicidio Ascoli Piceno
I Carabinieri hanno subito operato un fermo per l’omicidio di Ascoli Piceno – Meteoweek

É stata la stessa vittima dell’omicidio, avvenuto in via Soderini, nel pieno centro di Ascoli Piceno, a fornire agli inquirenti le indicazioni per potere individuare il suo aggressore.

Ascoli Piceno, aggredito a coltellate

La vittima si chiamava Franco Lettieri, 56 anni. L’uomo era originario di Salerno ma da tempo era residente nel capoluogo. Stando alle prime indicazioni l’uomo, la vittima è un pregiudicato già noto alle forze dell’ordine. Numerose le coltellate che lo hanno raggiunto e ferito gravemente prima dell’arrivo dei soccorsi e dei carabinieri del comando provinciale.

Sarebbero stati proprio i militari, giunti sul posto pochi minuti dopo l’accaduto, ad ascoltare direttamente dalla vittima quanto era accaduto arrivando poco dopo a firmare il responsabile dell’agguato.

LEGGI ANCHE > Caso Tiziana Cantone, verso indagine per omicidio. Trovate tracce sul foulard con cui si è impiccata

Un arresto

Immediatamente fermato il presunto omicida. Si tratta di un uomo di 57 anni. Da quanto si è capito, ma le indagini sono ancora agli inizi, Lettieri avrebbe avuto una discussione per strada con un giovane. Lo zio di quest’ultimo sarebbe intervenuto in sua difesa e avrebbe colpito Lettieri con un coltello ferendolo gravemente. I motivi all’ordine della discussione sarebbero ancora sconosciuti. Dal luogo dell’aggressione, che sarebbe avvenuta in Rua delle Stelle, nei pressi del lungofiume Tronto, si sarebbe diretto verso via Soderini dove sarebbe crollato a terra.

Sul posto, oltre all’uomini del 118, che non hanno potuto far altro che coprire il corpo esamine della vittima e dichiararne il decesso. Anche gli investigatori della procura di Ascoli Piceno che hanno aperto un fascicolo di indagine con l’ipotesi di omicidio volontario. Il magistrato ha disposto l’autopsia che sarà eseguita la prossima settimana.

Sul posto numerosi curiosi che i militari hanno cercato di tenere lontani dal luogo dell’aggressione e chiudendo la strada che per diverse ore non è stata accessibile traffico e pedoni.