Accoltellata dal marito davanti ai 3 figli: Victoria muore a 35 anni in un bagno di sangue

Accoltellata dal marito davanti ai 3 figli: Victoria muore a 35 anni in un bagno di sangue. I vicini hanno chiamato i carabinieri ma era tardi

Accoltella moglie davanti ai figli-Meteoweek.com

 

Victoria Osagie, nigeriana 35enne, è morta ieri sera a Concordia Sagittaria (Ve) accoltellata dal marito, Moses Osagie, 42 anni, di fronte ai loro tre figli. I vicini, che avevano sentito le urla, hanno allertato i carabinieri:”C’è una lite violenta, sta accadendo qualcosa di brutto“, ma quando sono giunti era troppo tardi. “Al nostro arrivo purtroppo per la signora non c’era più nulla da fare“, hanno comunicato i soccorritori. La vittima era nel salotto, in un appartamento al primo piano, dove da circa cinque anni vive la famiglia nigeriana, trasferitasi lì da San Donà di Piave.

Nell’abitazione i carabinieri hanno trovato la vittima, il marito e i loro 3 figli di 10, 5 e 2 anni. Chiazze di sangue in ogni dove, persino fino al vicino parcheggio. Il marito è finito subito in manette e portato in caserma a Portogruaro dove i carabinieri lo hanno ascoltato fino a tarda notte per fare luce sul movente del delitto.

Leggi anche:—>Napoli, Fabian positivo al Covid-19. Lo spagnolo:Sto bene. Fate attenzione

Da una prima ricostruzione è emerso che l’omicidio è nato da una lite tra moglie e marito. Lui era ubriaco e ha cominciato a prendersela con la moglie accusandola di avere un’amante, e non era la prima volta che le muoveva simili accuse. Tre anni prima, infatti, i carabinieri erano intervenuti per fermare una lite scaturita dalla presenza di un estraneo che per un periodo avrebbe vissuto in casa loro. Ieri però è andata peggio, perché l’uomo ha afferrato un coltello da cucina e l’ha uccisa davanti ai figli.

L’uomo non si è fermato neppure di fronte alle urla dei suoi figli, che hanno cercati di bloccare la violenza del padre. Poi si sono chiusi nella loro camera, e sul posto sono arrivati i servizi sociali, per portarli via, in lacrime. L’uomo è ora in carcere a Pordenone.