Ethereum: nuovo record nel 2021. La criptovaluta è salita del 101%

Ethereum fissa un nuovo record: 1.474 dollari. Spazza via così il precedente record raggiunto il 13 gennaio 2018 di 1.423 dollari.

Cos’è Ethereum

Si tratta di una piattaforma decentralizzata che funziona su migliaia di dispositivi in tutto il mondo e che sono connessi alla rete. Come Bitcoin, anche in questo caso siamo di fronte ad una piattaforma basata su tecnologia blockchain. Le informazioni, dunque, ogni volta che viene realizzata una operazione, vengono impacchettate in un unico  blocco che dovrà, a sua volta, essere validato dai computer che partecipano alla rete. I computer richiedono tanta energia. Energia che può essere acquistata tramite la moneta “ether”. Nel caso di Ethereum, però, la tecnologia blockchain è utile anche per eseguire gli “smart contract”, ovvero contratti intelligenti attraverso i quali gli sviluppatori possono creare marketplace, spostare fondi, archiviare dati e tante altre attività. Tutto questo senza bisogno di un intermediario.

Come si è arrivati al nuovo record

I driver di crescita sono diversi. Uno di questi è l’ «incremento dell’utilizzo della piattaforma da parte degli sviluppatori che cercano di costruire applicazioni decentralizzate sulla blockchain». spiega Simon Peter, analista di eToro. «Gli investitori stanno continuando a “puntare” i token di erethum. I token, quindi, restano bloccati nella piattaforma per un periodo di tempo e ciò contribuisce a rendere la tecnologia più sicura» aggiunge. Un altro fattore sta nel fatto che «gli investitori istituzionali sono sempre più interessati alle criptovalute come asset class e anche ethereum va a beneficiare di questo interesse».

LEGGI ANCHE: Secondo giorno di consultazioni: a che punto eravamo e cosa accade oggi

Futuro di Ethereum

L’ascesa di Ethereum spaventa i cripto-scettici, tant’è che in molti hanno iniziato a screditare le criptovalute dopo che il valore di Bitcoin è sceso dai 40.000 dollari. Simon Peters, a questo proposito, commenta così: «la frequenza di aggiornamenti che continuano a migliorare la piattaforma, l’aumento degli afflussi istituzionali  e il numero sempre crescente di sviluppatori che lavorano alla costruzione della piattaforma, ci fanno pensare ad un futuro luminoso». L’ipotesi è quella di arrivare a «2.5000 dollari entro la fine dell’anno», ma tiene a specificare che «come per tutte le criptovalute, il percorso sarà sicuramente tortuoso».