Dimagrire con la camminata non funziona: ecco perchè

Arrivano brutte notizie dalla Brigham Young University per chi finora ha creduto di perdere perso, attraverso le lunghe camminate. Ecco di cosa si tratta.

Lo studio sulle camminate

E’ impensabile non attribuire all’attività fisica un riscontro positivo sulla propria salute ed è per questo motivo che certe notizie possono lasciare all’inizio un pò interdetti. Ma se si approfondisce ciò che è stato riportato sul Journal of Obesity dopo uno studio condotto presso la Brigham Young University, si potrà tirare un sospiro di sollievo, anche se solo in parte.

Camminare, muoversi, fare attività fisica fa bene alla salute ed l’unico modo per combattere la sedentarietà, una piccola piaga con cui tutti noi, che viviamo in un’epoca digitale, siamo costretti a fare i conti. Concedersi delle lunghe camminate fa bene alla salute ma oggi si è scoperto che non ha nessun effetto sulla nostra linea. Gli studiosi della Brigham Young University dichiarano che le passeggiate non sarebbero coì efficaci, come si è sempre creduto, per perdere i chili di troppo.

L’esperimento che dimostra il non dimagrimento

Gli scienziati infatti hanno scoperto che chi vuole dimagrire deve fare ben altri allenamenti. Il loro studio si è basato su un esperimento fatto su un totale di 120 studenti ai quali è stato chiesto di fare tra i 10.000 e i 15.000 passi per 6 giorni a settimana. Quello che è emerso dai risultati è molto chiaro: al termine del periodo preso in considerazione, tutti in media avevano riportato un aumento di peso di circa 1,5 chili. Come è possibile?

“Non sempre l’esercizio è il modo più efficace per perdere peso. La camminata potrebbe essere vantaggiosa per aumentare la quantità di attività fisica svolta, ma il nostro studio ha dimostrato che da sola non aiuta a mantenere o prevenire l’aumento di peso“, ha riferito Bruce Bailey, l’autore dello studio nonché professore di scienze motorie della Brigham Young University.

LEGGI ANCHE ———–>Guendalina Tavassi si rilassa in un centro benessere e mostra il suo lato B: fan in estasi

Le cose positive di una sana camminata all’aperto

Con questa rivelazione, crollano tutte le speranze di chi nella camminata, ha puntato al ventre piatto, alla riduzione della circonferenza delle cosce, insomma di chi l’ha sempre fatta con queste speranze. Rimane però la realtà del fatto che camminare fa comunque bene al nostro umore, alla salute del nostro cuore e al benessere mentale.

LEGGI ANCHE ———–>Vite al limite, oggi Paula è così: com’era quando pesava 250 kg, il drastico cambiamento

Quante volte ci siamo sentiti meglio dopo una passeggiata? Staccarci dal telefono e dal computer per mettere in moto le gambe e respirare all’aria aperta è un modo per scaricare la tensione, per riordinare le idee, per sentirci meglio con noi stessi. Certo, per dimagrire a questo punto è meglio dedicarsi a qualcosa di più strong e inerente allo scopo, ma non dimentichiamoci che camminare tra le altre cose, fa bene alla vista, ai muscoli e soprattutto allunga la vita.