Napoli, vaccini e paradossi: un anziano su due non riesce a prenotarsi

Partita la campagna vaccinale contro il Covid-19 per gli over 80. Ma a Napoli un anziano su due non ha internet e non riesce a prenotarsi. Paradosso all’italiana?

Per raggiungere il fine ci vogliono i mezzi. E, se il fine è il vaccino, il mezzo dovrebbe essere meno che scontato. Eppure non è così, perché a Napoli un anziano su due non riesce a prenotarsi per mancanza dei supporti. E’ infatti partita la campagna vaccinale contro il Covid-19 per gli over 80. L’Asl Napoli 2 – che ha fatto da apripista – ha allestito 16 punti vaccinali per raggiungere i 44mila anziani del territorio, previa prenotazione sulla piattaforma. Ma i numeri, fin dall’inizio delle vaccinazioni, non sono stati confortanti e i prenotati, ad inizio febbraio, erano appena 22.913 su 63mila solo a Napoli. Numeri forse frutto di paura ma anche delle difficoltà legate al sistema di prenotazioni che, anche per gli 80enni, avviene online.

Leggi anche: Coronavirus, a che punto siamo con il piano vaccinale

Peccato però che gli anziani manchino di dimestichezza tecnologica e certe volte anche di un supporto adeguato, come tablet o pc. Per questo, spesso sono costretti a rivolgersi ai familiari. Per correre ai ripari si starebbe pensando di coinvolgere medici di famiglia, ma come se non bastasse a bloccare le somministrazioni ci ha pensato anche la scarsa reperibilità delle dosi. Infatti, la somministrazione dei vaccini Pfizer agli over 80 nel centro vaccinale della Mostra d’Oltremare di Napoli si è già bloccata a causa della mancanza di dosi.

Leggi anche: Coronavirus, Conte presenta i numeri del piano vaccinale. Basterà ad uscire dall’emergenza?

Le vaccinazioni agli over 80 riprenderanno dal 3 marzo per mille convocazioni al giorno, in attesa dell’arrivo di un numero adeguato di nuove dosi del vaccino Pfizer. Infatti, secondo quanto comunicato dall’Asl Napoli 1 Centro,  “la fornitura in termini quantitativi non è adeguata alla necessità di somministrare vaccini sia agli over 80 sia al personale sanitario arrivato alla scadenza dei 21 giorni dalla prima dose già somministrata”. Per ora, prosegue la seconda dose il personale sanitario, mentre da oggi inizieranno le vaccinazioni per il personale scolastico. Le dosi sono quelle di Astrazeneca. In programma 2.500 vaccinazioni al giorno, nel centro vaccinale allestito nella Mostra d’Oltremare.