Lieto fine, ritrovata la bambina di sette anni scomparsa a Ventimiglia

Si è conclusa nel modo migliore la brutta avventura di una bambina che si era persa durante una escursione con la famiglia

Bambina Ventimiglia
Vigili del fuoco in azione a Ventimiglia dopo la scomparsa di una bambina (Foto Vigili del fuoco)

A ritrovarla sono stati alcuni cacciatori che stavano percorrendo un sentiero che dalla frazione di Calvo, non lontano da Ventimiglia, conduce attraverso alcuni sentieri al di là del confine francese.

La bambina scomparsa

Un lieto fine dunque, ma dopo tanta paura, per la famiglia che dalle 18 aveva dato l’allarme a polizia e vigili del fuoco dopo aver perso di vista la bambina, sette anni. La famiglia stava scendendo dal Monte Pozzo dove aveva trascorso una giornata in escursione insieme ad altri amici. Il gruppo dopo un pranzo al sacco stava scendendo dal sentiero principale per tornare alle auto.

Perso il contatto visivo con i genitori, forse distratta, la bambina ha imboccato un sentiero diverso che l’ha progressivamente portata lontana dal gruppo. I genitori, dal canto loro, erano convinti che la piccola fosse con il gruppo che li precedeva. Quando si sono resi conto che della bambina non c’era alcuna traccia hanno immediatamente dato l’allarme.

LEGGI ANCHE > Omicidio Rossella Placani: arrestato il compagno della donna

Lieto fine

La notizia si è immediatamente diffusa tra i volontari del soccorso della zona. Le ricerche sono andata avanti per circa due ore e mezza ma prima ancora che si mobilitassero le unità di crisi dei vigili del fuoco e dei servizi cinofili.

La piccola era stata intercettata da alcuni cacciatori, allertati della scomparsa che avevano avuto la prontezza di spirito di dividersi per dare un’occhiata ai sentieri più esterni. La piccola era spaventata ma si è dimostrata subito molto attenta e collaborativa. Ha scandito con chiarezza il nome dei suoi genitori, sapeva esattamente dove viveva e in pochi minuti tutto si è concluso nel modo migliore. Il sentiero sul quale è stata ritrovata porta dalla frazione di Calvo lungo il versante francese, attraverso alcune tracce che storicamente venivano utilizzati dai passeur per transitare illegalmente tra le due frontiere.