Sofagate, Erdogan lascia Ursula von der Leyen senza sedia

La presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen è stata lasciata in piedi dal presidente turco Erdogan. Un incidente di protocollo scoppia in un caso diplomatico. Uno sgarbo ribattezzato Sofagate che suscita lo sdegno da parte di tutta l’Unione europea. 

Il presidente del Consiglio Ue Charles Michel e la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen si sono incontrati con il presidente turco Recep Ergogan ad Ankara. Ma all’incontro manca una sedia, quella per Ursula von der Leyen. La presidente viene relegata su un divanetto distante dalle poltrone del presidente turco e del presidente del Consiglio Ue. Le accuse arrivano da tutta Europa facendo rimbalzare il video su tutti i social ribattezzato Sofagate, data la condizione di marginalità a cui viene costretta la presidente della Commissione. Nel salone del vertice c’erano solo due poltrone, sulle quali ovviamente si sono accomodati i due uomini senza prestare minimamente attenzione allo sgarbo fatto alla presidente von der Leyen.

Le critiche sono arrivate anche nei confronti del collega europeo Michel che non ha detto nulla né agito in alcun modo. Un comportamento che ha suscitato lo sdegno e la vergogna nei confronti del presidente turco Erdogan, dunque, ma anche dell’impassibilità di Michel. La Repubblica ha parlato di “machismo protocollare”, è stata una mancanza di rispetto e un’umiliazione nei confronti della collega donna e un affronto a tutta l’Europa. La sedia negata alla presidente della Commissione ha scatenato un incidente diplomatico.

La vergogna per il gesto della Turchia nei confronti di Ursula von der Leyen

Il Ppe esprime la sua vergogna con un tweet. “L’Ue ha segnalato l’apertura al dialogo, ma siamo fermi sui nostri valori. Le donne meritano lo stesso riconoscimento dei loro colleghi maschi” appunta il Ppe. Per il partito europeo maggioritario “La presidente von der Leyen se ne sarebbe dovuta andare, vendicando così anche le donne turche, i cui diritti sono oggi sotto attacco.” Dello stesso parere anche il capodelegazione del Pd al PE Bonifei.

Ursula von der Leyen Sofagate

LEGGI ANCHE: Draghi dimentica i campi in Libia e si complimenta per “ciò che è stato fatto coi migranti”

Ursula von der Leyen è la prima presidente donna della Commissione. Ankara suscita ancora più vergogna e il fatto che sia capitato a poche settimane dalla scelta della Turchia di ritirarsi dalla Convenzione di Istanbul contro la violenza di genere sottolinea che non sia stato un caso. Un gesto vergognoso condannato da tutti i fronti europei è un affronto a Bruxelles che avrà conseguenze serie. La presidente von der Leyen, infatti, come tutta Bruxelles non è stata affatto contenta dell’episodio alquanto spiacevole. Un trattamento impari che sottolinea la disparità di genere che regna tra i valori della Turchia. E soprattutto un gesto poco rispettoso nei confronti di una delle figure più importanti ed autorevoli dell’Unione Europea.