Commissione UE, la proposta: no IVA su mascherina, guanti e test

La Commissione Europea presenterà al Consiglio e al Parlamento la proposta di eliminare l’IVA sui beni essenziali per combattere la pandemia. 

La Commissione Europea ha proposto di eliminare l’IVA da tutti quei beni considerati essenziali per poter combattere la pandemia e proteggersi dal Covid-19. Tale misura, nel momento in cui diventerà effettiva, darà la possibilità alla Commissione Europea, alle agenzie e agli organi dell’Unione Europea di acquistare e di importare gli strumenti e i servizi senza il peso dell’IVA. Ciò permette anche di andare in contro a quelle realtà con bilanci più limitati. La proposta ora sarà inviata al Consiglio e al Parlamento Europeo per discuterne l’adozione.

LEGGI ANCHE: Vaccino libero in Puglia: iniezioni senza prenotazioni. Chi può farlo?

Quali sono i beni essenziali

Rientrano in questa categoria le mascherine, i guanti ma anche i test diagnostici utili per valutare la positività al Coronavirus, materiali diagnostici e attrezzature di laboratorio. Sono considerati essenziali anche i respiratori, camici, i prodotti e attrezzature per la disinfezione, tende, letti da campo, sacchi di sabbia, giubbotti di salvataggio e gommoni. E ancora antimicrobici e antibiotici, cure per le lesioni da radiazioni, prodotti del sangue o anticorpi. Non restano fuori le attività di ricerca e innovazione, licenze al settore farmaceutico. strutture di quarantena, sperimentazione cliniche, disinfezioni dei locali e così via.