Uccide la madre con una fiocina, poi si ferisce con la stessa arma

Uccide la madre con una fiocina, poi si ferisce con la stessa arma. Manuela Fiorucci, 65 anni non ha potuto nulla contro la furia del figlio William 

Omicidio Eur-Meteoweek.com

Un giovane di 26 anni ha ucciso la madre dapprima colpendola più volte con un coltello da sub e poi con una fiocina. La donna, Manuela Fiorucci, 65 anni, era impiegata in una Asl di Roma. Ha tentato di difendersi dalla furia omicida del figlio William ma non è riuscita. Nel tentativo di pararsi, infatti, aveva messo istintivamente le mani avanti, tant’è che ha riportato ferite molto profonde e una mano è stata trapassata da una fiocina che il figlio le ha sparato.

Leggi anche:—>Rita muore a soli 27 anni, secondo i medici perché depressa causa Covid. Aperta indagine

Il figlio, per cercare di occultare quanto successo, ha dato fuoco all’appartamento in cui viveva con sua madre e poi contattato i carabinieri per dare l’allarme. Poi, si è ferito a un occhio con la fiocina. I fatti sono avvenuti in un appartamento all’Eur, in via di Grotte dell’Arcaccio. Quando sono giunti i vigili del fuoco e i carabinieri, hanno trovato la donna morta e il 26enne ferito, poi trasportato in ospedale in gravissime condizioni.

Vigili del fuoco-Meteoweek.com

Non è ancora chiaro il movente. Nel passato del 26enne non sembrano esserci ombre né pare abbia avuto problemi a livello psichico. In un primo momento si credeva che la morte della donna fosse stata causata dall’incendio, poi gli inquirenti hanno notato una profonda ferita alla testa, altre su viso e mani.

Leggi anche:—>Studentessa bendata a Verona durante interrogazione in Dad:«Mi sono sentita umiliata»

Il figlio, invece, è stato rinvenuto con una fiocina in un occhio. L’uomo è ora all’ospedale Sant’Eugenio. I carabinieri stanno cercando ricostruire l’accaduto e scovare il movente di un gesto che attualmente sembra essere incomprensibile. Pare che non avessero problemi di natura economica. Gli inquirenti stanno ascoltando amici e parenti per comprendere cosa possa aver provocato il dramma.