Lancio di razzi da Gaza, Israele risponde colpendo “obiettivi terroristi” di Hamas

Lancio di razzi da Gaza, Israele risponde agli attacchi palestinesi e colpisce gli “obiettivi terroristi” di Hamas. Continuano le violenze a Gerusalemme, in Cisgiordania e lungo il confine di Gaza, cresce la tensione generale.

israele hamas - meteoweek.com
Israele attacca le postazioni militari di Hamas (foto via Arab News) – meteoweek.com

Secondo quanto viene riferito dalle autorità, l’esercito israeliano ha dichiarato di aver colpito “obiettivi terroristi” di Hamas in risposta al lancio di razzi da Gaza da parte dell’esercito palestinese. A comunicarlo sono state le stesse Forze di difesa di Israele, che su Twitter hanno spiegato come “l’obiettivo di Hamas era attaccare civili israeliani, il nostro era combattere il terrorismo”. “In risposta ai palloni incendiari e al lancio di quattro razzi da Gaza contro Israele, i tank dell’esercito israeliano hanno attaccato obiettivi terroristi di Hamas a Gaza”, si legge ancora nel post.

La riposta di Israele agli attacchi palestinesi

Continua a salire la tensione a Gerusalemme. Si contano almeno 300 persone (di cui 20 agenti) rimaste ferite negli scontri tra manifestanti palestinesi e poliziotti israliani. Gli scontri sono iniziati nella giornata di venerdì, ma hanno trovato un nuovo climax anche nella giornata di ieri, con diversi incidenti.

Nella notte di domeica, infatti, i palestinesi hanno lanciato due razzi dalla Striscia di Gaza verso la città di Ashkelon e le comunità circostanti, dopo una giornata di continui attacchi incendiari aerei dall’enclave. Poco prima di mezzanotte,  sono stati lanciati altri due razzi, atterrati all’interno della Striscia. I militari israeliani hanno riferito che uno dei primi due razzi è stato intercettato dal sistema di difesa missilistica Iron Dome. Il secondo apparentemente, invece, è atterrato in un’area aperta e disabitata.

LEGGI ANCHE: Usa, sparatoria a festa di compleanno: almeno 7 morti, suicida il killer

Alla luce di ciò, le Forze di difesa di Israele hanno risposto colpendo alcune postazioni militari di Hamas. L’attacco missilistico è avvenuto un’ora dopo l’anuncio di Israele della chiusura della zona di pesca della Striscia di Gaza. Chiusura, questa, che si è resa necessaria a seguito del lancio di dozzine di ordigni incendiari durante il giorno, che hanno causato incendi e bruciato vaste aree del sud di Israele, nonché un attacco di mortaio nelle ore precedenti l’alba della domenica mattina.

LEGGI ANCHE: Bombe sul ciglio della strada in Afghanistan, esplode autobus: almeno 13 morti

Gli attacchi sono avvenuti in mezzo alle continue violenze a Gerusalemme, in Cisgiordania e lungo il confine di Gaza, dovute sia alle crescenti tensioni generali associate al mese sacro del Ramadan per i musulmani, sia all’imminente allontanamento forzato di dozzine di palestinesi dal quartiere Sheik Jarrah di Gerusalemme Est a favore della comunità ebraica. Secondo quanto riportato da The Time of Israel, si tratta di un caso altamente controverso, questo, finito in esame nei tribunali e che ha suscitato una certa preoccupazione a Washington e denunce contro Israele da tutto il mondo – anche dagli stretti alleati.