Lancia il cane dal secondo piano e rischia il linciaggio: shock a Napoli

Un 30enne algerino ha lanciato dal balcone, ubicato al secondo piano, il suo cane. I cittadini hanno inveito contro di lui e il 30enne è andato in escandescenza.

Cane lanciato dal secondo piano di uno stabile, shock a Napoli – Meteoweek

Un gesto assurdo, che ha fatto inferocire la folla a Napoli. Ieri gli agenti del Commissariato San Giovanni-Barra, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Serino Corte per la segnalazione di un cane che era stato lanciato da un balcone. Quando i poliziotti sono giunti sul posto, hanno trovato un gruppo di persone che inveiva contro un uomo affacciato al secondo piano di uno stabile. Le persone presenti, accusavano l’uomo di aver prima maltrattato la povera bestiola e di averla poi scaraventata dal balcone.

Il 30enne algerino, alla vista degli agenti, ha iniziato a dare in escandescenze e ad inveire contro di essi fino a quando, grazie al supporto di equipaggi del Commissariato Ponticelli e del Reparto Prevenzione Crimine Campania, con non poche difficoltà, è stato bloccato.

LEGGI ANCHE: Roma, donna stuprata all’Istituto Santa Chiara al Torrino. Corsa dei genitori per riprendere figli

La polizia ha trovato sul balcone dell’abitazione un cane di piccola taglia dolorante e sanguinante ed hanno contattato il Soccorso Veterinario che ha provveduto a prestare le prime cure all’animale trasportandolo, poco dopo, al Presidio Ospedaliero Veterinario “Frullone” dell’ASL Napoli1. Il cagnolino ha riportato ferite ed una frattura ad un arto e non in pericolo di via; l’uomo è stato denunciato per maltrattamento di animali e resistenza a Pubblico Ufficiale.