Mascherine distribuite a scuola bocciate da studenti: «Tutte sprecate»

Mascherine distribuite a scuola di nuovo al centro della bufera. Mentre gli studenti le bocciano, il Cts le conferma.

Mascherine distribuite a scuola – Meteoweek

Scoppia di nuovo la polemica sulle mascherine che vengono consegnate alle scuole e poi distribuite agli studenti. Sono stati gli stessi studenti a bocciarle e a rifiutare di indossarle preferendo le mascherine chirurgiche portate da casa. Consegnare le mascherine alle scuole è stata una operazione complessa e importante dal punto di vista economico. Non sono poche le scuole che non ricevevano con regolarità i pacchi via posta. Spesso i lotti erano inadatti o danneggiati. L’83% circa degli studenti – come rilevato da ScuolaZoo – sostiene che le mascherine ricevute non siano di buona qualità. Il 65% afferma che puzzano e per altri, invece, non aderiscono bene al volto. Cosa ne sarà quindi delle mascherine?

LEGGI ANCHE: Vaccino Covid in farmacia: ecco quando si inizierà. Il calendario delle Regioni

Ogni mascherina ha un costo stimato di 0,10 centesimi l’uno e, visto lo scarso successo, ci si chiede allora se questo tipo di investimento sia o meno da ripetere anche il prossimo anno. Mentre Italia Viva apre il dibattito sullo spreco, i sindacati propongono di passare alla distribuzione delle mascherine chirurgiche o Ffp2. Non è dello stesso parere il Comitato Tecnico Scientifico che ha affermato che le mascherine sino ad ora distribuite vanno bene.